Non sono solo canzonette

Non sono solo canzonette

Io non amo Bob Dylan. Non c’entrano i gusti: non conosco abbastanza le sue opere. Ok, sono ignorante. E allora? Con le cose che non so ci si riempie un’enciclopedia. D’altronde per chi non è così? Detto questo, tuttavia, mi stanno sulle gonadi quelli che “il Nobel a Dylan è sbagliato perché scrive canzoni, non fa letteratura”. Come Marco Alloni, in un articolo sul “Corriere del Ticino” di oggi. Alloni, a differenza di me, adora…

Leggi tutto

Da fantascienza a satira a… realtà?

Da fantascienza a satira a… realtà?

Timothy Hofmann, artista di Lugano, ci parla del suo romanzo a fumetti che racconta il nostro territorio in salsa Frank Miller. “Corvi+Topi”, la graphic-novel ticinese più controversa del momento, è passata dal nascere quale distopia narrativa a diventare sempre più un’opera di satira contemporanea. Non per intenzione dell’autore, bensì a causa dell’aggravamento continuo del nostro sistema sociale, economico e politico. E per nostro intendo del pianeta Terra, sia ben chiaro. E in momenti simili a…

Leggi tutto

Gli anni dell’impegno

Gli anni dell’impegno

“Morte accidentale di un anarchico”, che momento alto, che teatro che supera se stesso. Questa ricostruzione della vicenda di Pino Pinelli, morto cadendo da una finestra della questura di Milano nel 1969, costò a Dario Fo una quarantina di processi. Indicativo di che aria si respirasse in Italia in quegli anni. Erano gli anni degli intellettuali. Erano gli anni di Dario Fo, del Pasolini ammazzato che, come disse Alberto Moravia al suo funerale, “fugge a…

Leggi tutto

Non ci sono più i Quattro di una volta

Non ci sono più i Quattro di una volta

di Amélie Nella mia infanzia sono transitati parecchi animali: gatti, criceti, cani, canarini… Dinosauri no: io avrei voluto ma i miei non me l’hanno mai permesso. In famiglia non ci siamo mai preoccupati più di tanto della loro alimentazione. Non nel senso che davamo le ossa ai canarini o la ricotta ai gatti. però li abbiamo sempre cresciuti in modo – diciamo così – nostrano, dando loro prevalentemente gli avanzi di quello che si mangiava…

Leggi tutto

Abbiamo preso il peggio della fantascienza

Abbiamo preso il peggio della fantascienza

di Zorroastro Ieri, per prepararmi alla data di oggi, quella in cui Marty e Doc arrivano nel presente, mi sono rivisto “Ritorno al futuro 2” e ho concluso che no, non esistono ancora hoverboard in commercio, no, le previsioni del tempo non sono precise al millisecondo, no, le automobili non volano e no, non sono alimentate a bucce di banana e rimasugli di bibite gassate, no, i vestiti non si adattano al corpo e no,…

Leggi tutto

Fiorenzo e Knorr: tutto fa brodo

Fiorenzo e Knorr: tutto fa brodo

di Ipazia Che differenza c’è fra il Dado Knorr e il Dado Fiorenzo? Nessuna: entrambi fanno brodo. Nell’ultima seduta di Gran Consiglio, parlando dei due curiosi fratelli Sciolli e delle loro proposte culturali al Rivellino di Locarno (si spazia da chi inneggia alla Corea del Nord fino alla Gosfilmofond russa che vuol mettere le zampe sul Festival), il Dado Fiorenzo, copincollando da Wikipedia (perché ormai la cultura, anche per taluni editori, è a questo livello),…

Leggi tutto

Mankell ci mancherà

Mankell ci mancherà

di Jacopo Scarinci Quando muore, uno scrittore non muore veramente. Henning Mankell ci ha lasciati a causa di un tumore al collo e ai polmoni, ma i suoi libri sono e resteranno vivi ovunque, compreso nell’intero scaffale dedicatogli in una delle mie librerie. Non era solo un giallista, Mankell. I suoi non erano solo polizieschi, romanzi gialli, d’azione o thriller. Con Mankell abbiamo imparato a conoscere l’inquietudine nordica, descritta quasi crudelmente, messa a nudo da…

Leggi tutto

Ul düü da copp

Ul düü da copp

di Corrado Mordasini All’attacco dei padroncini, parte starnazzando, sull’onda del grande Leader Quadri, il vetusto Angelo Paparelli che sbraita: “Nümm a Berna a cüntum cuma ul düü da copp !”. Secondo Paparelli, nessuno si caga il povero Ticino, e le ficcanti misure proposte dalla Lega non trovano istanza a Berna. Lasciamo perdere mozioni, istanze, proposte e berciamenti vari. Paparelli dovrebbe domandarsi come mai la deputazione a Berna non conta un cazzo. Forse potrebbero dirglielo Quadri…

Leggi tutto

Nessun dorma

Nessun dorma

di Corrado Mordasini 4’000 persone in attesa di partire. 4’000 persone che scalpitano sotto il sole. 4’000 persone che macineranno decine di chilometri aspettano scaldandosi i muscoli. E lì, di fronte a loro, a cantare l’inno svizzero, mister baritono, alias Alessandro Veletta. Difficile immaginare una persona più simpatica, gentile, umile ed eclettica di Alessandro. Mi faceva morire dal ridere tempo fa quando a Rete Tre interpretava il personaggio di “‘O Professore”. “Da italiano per me…

Leggi tutto

Il vino, la cultura e le cazzate

Il vino, la cultura e le cazzate

di Santerre Bisogna essere brutti dentro per essersi molto divertiti alla “Bacchica” che ha avuto luogo a Lugano lo scorso fine settimana. Da che mondo è mondo, il vino è cultura, storia del territorio, un racconto che si perde nelle generazioni e nei sapori, nella vendemmia e nella degustazione, nei boccalini e nelle tradizioni. Ma chi, come me, ha avuto la sventura di girare per Lugano in quei giorni, e magari a differenza di me…

Leggi tutto
1 2 3 5