Amalia Mirante: “Non è solo il passaporto a determinare gli animi umani”

Amalia Mirante: “Non è solo il passaporto a determinare gli animi umani”

di Corrado Mordasini “Vacca immonda”, “misera stronza”, “zoccoletta pugliese”, “stronza”, “trombana”, “terrona andata a male”… Questi sono solo alcuni degli epiteti con i quali è stata apostrofata la consigliera nazionale Ada Marra, solo per aver parlato bene di Eveline Widmer-Schlumpf, di cui abbiamo già reso conto. Chiediamo un parere ad Amalia Mirante, che di recente è stata in lizza per il Consiglio di Stato per il PS, con ottimi risultati. Amalia è anche lei di…

Leggi tutto

UDC: ma sai cosa voti?

UDC: ma sai cosa voti?

di Bruno Samaden Immigrazione, immigrazione e ancora immigrazione: agli Svizzeri sembra non interessare altro, a guardare il voto del 18 ottobre. Ed è un grande, grandissimo errore. Chi ha votato UDC – è pacifico – lo ha fatto spaventato dalle migrazioni in atto e perché teme un’invasione sul suolo elvetico. Le statistiche finora smentiscono questo pericolo, ma basta vedere certe reazioni sguaiate allo studio dell’IRE sul mercato del lavoro in Ticino per notare come la…

Leggi tutto

Il sacrosanto diritto di sparare cazzate

Il sacrosanto diritto di sparare cazzate

di Jacopo Scarinci Cosa hanno in comune lo scrittore Erri De Luca e Marine Le Pen? Nulla, a parte il fatto che respirano e che sono usciti, più forti di prima, da due processi farsa. L’uno è finito a giudizio per aver incitato a sabotare la TAV, la linea ferroviaria veloce in costruzione che collegherà Torino a Lione, la cui costruzione secondo alcuni sta sventrando il paesaggio della Val Susa e di tutta la zona…

Leggi tutto

Galeazzi vuole la pena di morte per i minorenni in Svizzera?

Galeazzi vuole la pena di morte per i minorenni in Svizzera?

di Hans Müller “Vergogna in altri Paesi questi personaggi vengono portati in piazza e giustiziati”: Tiziano Galeazzi si è espresso in questi termini su Facebook parlando del caso del richiedente l’asilo (un diciasettenne) indagato per violenza carnale e che, rimesso in libertà dal magistrato dei minorenni, sembra essere scappato in Svezia. Avete letto bene: il giovane è indagato e minorenne. Sì, è indagato, dunque la sua colpevolezza ancora non è stata provata. Strano, per un…

Leggi tutto

Il giorno dello sciacallo

Il giorno dello sciacallo

di Corrado Mordasini Blocher ha il vento in poppa. Il triste leader dell’UDC, in odore di duce, continua a gongolare per l’ascesa del suo partito, che sfrutta la crisi dei migranti e le ristrettezze economiche per titillare le angosce dei cittadini e fare incetta di voti come un varesino senza patente di funghi. Ma questo non gli basta: la sua lingua tagliente, fredda come quella di un serpente, non ha di meglio che saettare contro…

Leggi tutto

Gli zingari stanno sulle balle a tutti

Gli zingari stanno sulle balle a tutti

di Corrado Mordasini Inutile illudersi: se abbiamo moti di pietà per i siriani, se piangiamo sulle disgrazie dell’Eritrea e siamo partecipi alle disgrazie della guerra in Ucraina, per gli zingari la comprensione è ridotta a un lumicino. D’altronde chi di noi non si è imbattuto nella zingara che voleva leggergli la mano a tutti i costi e ti malediceva se diceva di no? Mica simpatica: a mia moglie una ha maledetto il bambino quando era…

Leggi tutto

Mistero… della fede

Mistero… della fede

di Marco Cagnotti Premessa: da ateo, del magistero della Chiesa cattolica me ne frego. Non lo trovo vincolante per le mie scelte. Mi tocca quanto il magistero del buddhismo tibetano o dello shintoismo, per intenderci. Però mi interessa in quanto fenomeno umano (“Homo sum, humani nihil a me alienum puto”). Perciò osservo curioso e mi interrogo. E per esempio mi chiedo: perché i Cattolici rompono tanto sull’omosessualità? Le sentinelle in piedi a leggere in silenzio…

Leggi tutto

“Non vogliamo esser serviti da un negro”

“Non vogliamo esser serviti da un negro”

di Corrado Mordasini Ci sono storie che fanno male, che ci fanno ricordare l’apartheid. Ci sono storie che però finiscono bene, perché alcuni di noi hanno capito di avere solo fratelli, colleghi, amici. Di una di queste storie è protagonista Lara, di un bar nel centro storico di Montagnana, 10 mila anime in provincia di Padova. Come sappiamo, il Veneto è un feudo della Lega e purtroppo non è una delle regioni italiane più tolleranti…

Leggi tutto

Se sei mongolo, resta in cucina

Se sei mongolo, resta in cucina

di Corrado Mordasini Quand’eravamo piccoli non sapevamo nemmeno cosa fosse la sindrome di Down. C’erano i mongoloidi, che noi chiamavamo “mongoli”. Usavamo quell’epiteto naturalmente. Mongolo era lo scemo, il tonto, quello che non riusciva a fare le cose. “Sei proprio un mongolo” era come dire “Sei scemo” o “Sei idiota”. C’è voluta tanta sofferenza, ci sono voluti anni, anzi decenni di “buonismo” per far capire quanto possa far male sentirsi chiamare mongolo, e quanto faccia…

Leggi tutto
1 2 3 18