L’atteggiamento sbagliato di Ghiringhelli

L’atteggiamento sbagliato di Ghiringhelli

Dopo aver assistito alla proiezione del film documentario “The Poetess”, durante la discussione alla presenza della poetessa saudita Hissa Hilal (la protagonista del film documentario proiettato al Festival del Film di Locarno) Giorgio Ghiringhelli del Guastafeste è intervenuto, sollevando una domanda e scatenando la reazione del pubblico, che lo ha fischiato. Ghiringhelli, prendendo la parola, ha dapprima accennato al coraggio della Hilal per poi rimarcare che si è presentata, nel nostro Paese, non rispettando il…

Leggi tutto

Le inutili chiacchiere sulla libera circolazione

Le inutili chiacchiere sulla libera circolazione

Anche Isabelle Moret, nelle sue prime dichiarazioni da candidata al Consiglio federale, è caduta in un discorso che, sebbene sia comune, è ogni giorno che passa sempre più pericoloso: quello di definirsi a favore della libera circolazione “ma con dei correttivi”. Il calvario che ha portato all’applicazione (edulcorata) dell’iniziativa Contro l’immigrazione di massa non sembra aver insegnato molto. Da una parte l’UDC ancora si arrocca all’idea di lanciare un’iniziativa per cancellare tout court la libera…

Leggi tutto

Davvero c’è da stupirsi del terrorismo in Virginia?

Davvero c’è da stupirsi del terrorismo in Virginia?

Mentre certa sinistra, goffa e narcisista, si baloccava con l’idea di Hillary Clinton “donna di Wall Street” qualcuno di questi tempi, l’anno scorso, provava a spiegare che no, non era la stessa cosa votare Donald Trump o Hillary Clinton. O, peggio, astenersi. Si spiegava ciò senza sosta, su ogni media. Perché era chiaro e sotto gli occhi di tutti cosa stesse succedendo, come Donald Trump stesse conducendo la campagna elettorale, in quali ambienti stesse cercando…

Leggi tutto

Tappeti rossi per i regimi, ma poi ci si lamenta dei profughi

Tappeti rossi per i regimi, ma poi ci si lamenta dei profughi

Avrebbe meritato ben altra copertura la pacifica manifestazione di alcune centinaia di eritrei che ha avuto luogo venerdì a Berna davanti a Palazzo federale. Una manifestazione di protesta, contro l’intenzione del Consiglio federale di ampliare e consolidare la via bilaterale tra la Svizzera e l’Eritrea, paese dal quale comprensibilmente i manifestanti son scappati e con il quale non vedono di buon occhio che la nazione che li ha accolti (leggasi: salvati) intrattenga gentili rapporti. Si…

Leggi tutto

Dio esiste? La Svizzera di sicuro!

Dio esiste? La Svizzera di sicuro!

“Suiza no existe – La Suisse n’existe pas”: questa frase ha provocatoriamente accolto i visitatori del padiglione svizzero all’esposizione universale di Siviglia nel 1992. Delamuraz interpretò questa scelta come “una testimonianza della diversità linguistica, culturale e topografica della Confederazione“. Venticinque anni più tardi scopriamo che una simile affermazione, ovviamente inserita all’interno di un discorso più ampio, proposto da una parlamentare svizzera quale spunto di riflessione per il Primo agosto, suscita una reazione veemente e finanche…

Leggi tutto

AITI chieda scusa al PS

AITI chieda scusa al PS

Un conto è la dialettica politica, un altro è schernire e insultare un partito di governo. Un conto è difendere i suoi associati e quindi legittimamente i loro interessi di bottega, un altro è disprezzare pubblicamente un partito che da più di un secolo contribuisce in Ticino e in Svizzera a governare il paese e garantirne la prosperità. Spiace che queste differenze non valgano per Stefano Modenini, direttore di AITI. Modenini ha attaccato frontalmente tutti…

Leggi tutto

Boom di frontalieri, Lega e AITI che dicono?

Boom di frontalieri, Lega e AITI che dicono?

Molte volte, in politica, basterebbe il buon senso. La recente polemica sui famosi 20 franchi all’ora che per Modenini sono troppi per il Ticino mostra come il padronato, o gran parte di esso, il buon senso non sappia neanche cosa sia. Bene ha fatto ieri Fabrizio Sirica, vicepresidente del PS, a chiedersi se “dare meno di 20 franchi all’ora si chiama difendere la ‘libertà economica’ o promuovere la ‘libertà di sfruttamento’”. Rincarando la dose, affermando…

Leggi tutto

L’inchiesta per post razzisti è solo il primo passo

L’inchiesta per post razzisti è solo il primo passo

La notizia delle due donne indagate per post beceri e razzisti pubblicati su Facebook riguardo alla triste vicenda della ragazza eritrea morta a Bellinzona qualche tempo fa conforta. Indagate, non condannate: è presto per festeggiare il ritorno alla vittoria della decenza sulla crudeltà e l’analfabetismo funzionale. Ma è un primo passo, che è nato dalla segnalazione di tante persone. Per questo conforta. Ma non solo. Con l’apertura di questa inchiesta si mettono un po’ di…

Leggi tutto

Asilo, i numeri contano più degli urli populisti

Asilo, i numeri contano più degli urli populisti

Continua il calo delle domande di asilo presentate in Svizzera. Nel mese di luglio, infatti, si sono fermate a 1’694. Se il conto rispetto a giugno porta un misero +60, è interessante il confronto con il mese di luglio dell’anno scorso, il 2016: -31,6%, un terzo in meno. Un dato che fa riflettere, perché, come indicato dalla Segreteria di Stato della Migrazione, siamo di fronte al numero più basso registrato dal luglio 2010. Traduzione: negli…

Leggi tutto

Perché sulla Previdenza 2020 il fronte borghese scricchiola?

Perché sulla Previdenza 2020 il fronte borghese scricchiola?

La campagna deve ancora essere lanciata, ma i contrari alla riforma sulla previdenza di Alain Berset non sembra siano posizionati perfettamente sui blocchi di partenza. Già settimane fa il consigliere nazionale liberale Philippe Nantermod contestò il lassismo con cui l’UDC stava affrontando l’organizzazione del referendum. La risposta che gli arrivò dai democentristi fu facilmente riassumibile con un qualcosa di simile a: sebbene non ci piaccia questa riforma, il referendum ve lo smazzate voi. Considerando come…

Leggi tutto
1 2 3 244