Verde scuro, molto scuro

Verde scuro, molto scuro

di Andrea Riberti Ieri mattina (sül Ceneri, la nòsa radio…) ho sentito Francesco Maggi, intervistato durante Albachiara a proposito del possibile, scellerato allungamento della pista dell’aeroporto di Magadino e dell’impatto che questo avrebbe sulle Bolle. Ne ha dato parere negativo, ovviamente. Francesco lo conosco da anni. Abbiamo fatto gite in montagna con le racchette e discusso molto. Poi l’ho perso di vista. Già anni fa era un po’… come dire?… estremo. Ma per difendere l’ambiente,…

Leggi tutto

A Lugano gli insegnamenti non sono Venuti

A Lugano gli insegnamenti non sono Venuti

di Füs Barla Alcuni mesi dopo il clamore suscitato dai post con i quali Adriano Venuti, attraverso la sua pagina Facebook, se la prendeva con Lorenzo Quadri e altri Leghisti, la Città di Lugano si vede confrontata con l’esuberanza di un’altra sua dipendente: ne dà notizia il “Corriere del Ticino” di oggi. Francesca Bernasconi, nel corso di uno scambio di batutte con Roger Etter (l’ex esponente dell’UDC la cui brillante carriera politica è stata interrotta…

Leggi tutto

Se questo è il “progresso”, indietro tutta

Se questo è il “progresso”, indietro tutta

di Jacopo Scarinci Non so voi, ma io sono in quel 99% che, secondo Oxfam, nel 2016 si spartirà le briciole lasciate dall’1% dei super ricchi del mondo. A me di ciò non può interessare di meno, però queste statistiche lasciano allibiti. Non c’è niente da fare: più si allargano le disuguaglianze, più la lotta alla povertà viene combattuta con fucili a salve. Siccome oltre un miliardo di persone vive con meno di 1,25 dollari…

Leggi tutto

Ci sono toni e tonni!

Ci sono toni e tonni!

di Acio A ormai solo tre mesi dalle elezioni cantonali gli animi si stanno decisamente surriscaldando. Ma invece di parlare di politica e di problemi concreti, di cui tutti i candidati si riempiono generosamente la bocca, si parla di schermaglie verbali, di battute sessiste, di pretestuose strumentalizzazioni. Ahinoi, anche alle nostre latitudini si sta espandendo a macchia d’olio un modo di fare politica basato sul sensazionalismo, sui facili slogan e sull’odio dell’avversario. D’altro canto quest’atteggiamento…

Leggi tutto

Tragicommedia a Ginevra

Tragicommedia a Ginevra

di Jacopo Scarinci La stampa romanda regala sempre momenti di pura emozione, e il turno ieri è toccato alla notizia che gli agenti municipali di Ginevra, che dopo gli attentati di Parigi vivono con un cagotto più o meno giustificabile, lavoreranno a mezzo servizio rinunciando alle operazioni più “pericolose”. L’annuncio solenne è stato fatto da Patrick Moynat, che a quanto pare dirige con pugno duro e sprezzo della paura l’Unione delle polizie municipali del Canton…

Leggi tutto

La sicurezza e la paura (ancora)

La sicurezza e la paura (ancora)

di Corrado Mordasini Torno sulla questione dell’ignobile uso dei fatti di cronaca nera per diffondere terrore tra la popolazione e capitalizzarlo poi in termini politici una volta trasformato in insicurezza e rancore. Ma noi Ticinesi ce li ricordiamo o no i tempi in cui per le nostre strade avevamo i morti ammazzati? Erano i tempi della Lombardia violenta, della banda Vallanzasca e poi di quella della Uno bianca. Erano gli anni di piombo, con terroristi…

Leggi tutto

Al fianco di Mordasini e contro i veri finti moralizzatori

Al fianco di Mordasini e contro i veri finti moralizzatori

di Jiddu Von Corcaigh La satira – Luttazzi, un genio della satira, uomo scurrile, volgare, sessuomane e anche un pochino sessista, ha sempre sostenuto che la satira si rivolge a quattro temi principali: religione, politica, morte e sesso. E, proprio perché è satira, tutto ciò che riguarda questi temi bisogna saperlo prendere per quello che è: argomento di satira, appunto. La politica – Io non sono un elettore, non voto, non do la possibilità alla…

Leggi tutto

La decrescita felice

La decrescita felice

di Andrea Ghisletta Sala stracolma per la conferenza tenuta venerdì sera a Bellinzona da Maurizio Pallante sulla decrescita felice. Stracolma di persone, ma anche di aspettative, di speranza, di interesse. Decine di persone di ogni età pronte a cogliere gli spunti del conferenziere, pronte a guardarsi dentro e a riflettere sul modo in cui gira oggi il mondo. Quel mondo che noi viviamo come Occidentali, in un’Europa messa all’angolo dalla crisi del debito e da…

Leggi tutto

Into The Wild

Into The Wild

di Jacopo Scarinci In questi giorni ho sempre fisso il ricordo di una gita fatta con la mia fidanzata in un piovoso giorno di agosto dell’estate passata. Cauco, Grigioni italiano, un meraviglioso gruppetto di casette e silenzio, tanto silenzio. Qualche Autopostale, pochissime macchine. Il vento, la Calancasca. A questo penso, mentre tra terrorismo, fanatismo religioso di ogni confessione, economia, cazzi e mazzi non si sa più dove sbattere la testa. Il vecchio adagio “I nostri…

Leggi tutto

Quella clausola galeotta

Quella clausola galeotta

di Shevek Basterà il 70%? Noi si voleva l’80, tuttavia anche il 70 non è poi malaccio, dai. Senza contare il sollievo per la piazza finanziaria. E allora chi ci rimetterà? A far bene i conti, noi no. Anzi ci guadagniamo. 15 milioni, pare. Che non son tanti, ma sputaci sopra, comunque. Forse un po’ meno, magari. Però almeno noi non ci perdiamo. E neppure lo Stato italiano. Ci rimetteranno i frontalieri, ovvio: molti pagheranno…

Leggi tutto
1 185 186 187 188 189 210