Le élite continuano a spartirsi la torta

Le classi dominanti, in America come altrove, hanno creato una “casta” che ha visto la sua posizione economica migliorare negli ultimi decenni a scapito del rimanente 90% della società. E nel nostro Paese succede la stessa cosa: l’1% della popolazione più ricca ha visto evolvere il loro patrimonio dall’8,5% del Pil negli anni ’90, al 12% di oggi, mentre il reddito pro capite è sostanzialmente stabile a partire dell’inizio del secolo.

Read more

Meno disoccupati, meno qualità del lavoro

Negli ultimi due decenni alcune cose importanti sono cambiate. A cambiare è stato soprattutto il lavoro che è diventato sempre più “flessibile” e precario. È vero che il tasso di disoccupazione è basso, ma bassa è anche – spesso – la qualità del lavoro non solo dal punto di vista salariale, ma anche di quello della “gratifica morale” e della valorizzazione dell’individuo.

Read more

La realtà e i sogni di Trump

Che una maggior protezione del mercato nazionale sia un’idea che si dovrebbe considerare, non è così assurda, ma il tema non può essere affrontato unilateralmente e dovrebbe essere studiato ed approfondito, bilanciando quelli che sono i reali vantaggi del mercato globale e quelli che invece dovrebbero essere i vantaggi locali, anche – e soprattutto – per i Paesi più poveri.

Read more

Reddito, Ticino sempre fanalino di coda

L’evoluzione del reddito disponibile delle economie domestiche in Svizzera e in Ticino dal 2007: in Ticino il reddito delle famiglie è sempre inferiore alla media svizzera, ma è anche il più basso delle macroregioni considerate dall’Ufficio federale di statistica. Tra il 2007 e il 2009 il divario si è ridotto raggiungendo il punto più basso con soli 1038 franchi di differenza. Dal 2011 il divario è tornato a crescere rapidamente raggiungendo 8844 nel 2016.

Read more

Morisoli, rifatti i calcoli

Riguardo all’elogio delle politiche masoniane di sgravi fiscali da parte di Morisoli, l’unica cosa che possiamo dire è che non sappiamo quali effetti abbiamo avuto gli sgravi fiscali sull’economia ticinese a meno di svolgere le opportune elaborazioni statistiche. Possiamo invece affermare con sicurezza che la pubblica amministrazione ha incassato meno soldi, fatto questo che ha portato a una cura dimagrante per le uscite, con conseguenze non sempre positive, e che l’economia cantonale non si è rafforzata, anzi sembra decisamente più debole come evidenziano i divari salariali con il resto della Svizzera e quelli sulla produttività regionale

Read more
Pagina 1 di 212