È questo il trionfo di Zali?

È questo il trionfo di Zali?

Dopo aver celebrato i risultati della LIA, oggi il GdP intervista un artigiano ticinese, Andrea Genola, che spiega perché i padroncini siano calati: semplicemente non si notificano più. E ciò spiega l’aumento di più del 20% dei permessi L, come da noi segnalato. È questo il trionfo di Zali?

Leggi tutto

Zali, ma perché un errore così pacchiano?

Zali, ma perché un errore così pacchiano?

di Corrado Mordasini Zali dice, oggi a laRegione, in merito all’albo LIA: “È una questione delicata. Si sta cercando di salvare capra e cavoli, anche con imponenti sforzi diplomatici. E se ci fosse un po’ più di unità in questo Cantone, sarebbe forse più facile.” Eh certo, ti pareva. È sempre colpa degli altri. Cinque in Consiglio di Stato, un collega leghista e due borghesi che non alzano la cresta nemmeno se gli strappi le…

Leggi tutto

Complimenti per il pasticcio, ministro Zali

Complimenti per il pasticcio, ministro Zali

Spiace, magari è inelegante dirlo, ma “ve l’avevamo detto”. Già, perché mentre tutto il cantone sta scoprendo in questi giorni l’ennesimo pasticcio leghista (adesso è il turno della Legge sulle Imprese Artigianali, voluta dal direttore del Territorio Claudio Zali) noi siamo stati i primi a renderlo pubblico. Il 22 febbraio, infatti, abbiamo pubblicato un dossier (http://gas.social/2016/02/22/ahi-ahi-signora-lia/) nel quale un titolare di una fiduciaria e un artigiano ticinesi ci hanno raccontato, con dovizia di particolari e…

Leggi tutto

E la sovranità popolare?

E la sovranità popolare?

di Bruno Samaden No, non è un film comico, sta succedendo davvero questo: stando a Teleticino (leggi qui), il Municipio a maggioranza relativa leghista di Lugano starebbe valutando di fare ricorso contro la tassa di collegamento voluta da un Consigliere di Stato leghista e appoggiata dalla Lega stessa. Frenano, dicono che per ora è stata chiesta solo una valutazione giuridica sulla validità della tassa, certo, però due cose da dire le abbiamo: La Lega con…

Leggi tutto

Le Migliori del Mattino: È una misura anti italiani

Le Migliori del Mattino: È una misura anti italiani

della Redazione (Questa rubrica si fa del male da sola a raccogliere e commentare le migliori perle che il Mattino ci regala incessantemente. Uno sporco lavoro, ma che qualcuno deve pure fare.) “(…)Nonostante sia stato più volte specificato che la misura è ri­volta ai grandi generatori di traffico, quindi a quelle aziende e ai centri commer­ciali che dispongono di più di 50 posteggi, c’è chi si chi la­menta tirando di nuovo in ballo la discriminazione….

Leggi tutto

LIA? Avevamo ragione

LIA? Avevamo ragione

di Alessandro Schirm Noi del GAS siamo stati buoni profeti, o forse solo svegli, quando abbiamo previsto, all’avvio della LIA, che avrebbe creato più problemi che vantaggi. (http://gas.social/2016/02/22/ahi-ahi-signora-lia/). Oggi, la legge di Zali, nata zoppa, viene anche bombardata dalla Camera di commercio della Svizzera centrale. Prima di oggi si son levate le proteste degli artigiani stessi, che oltre a vedersi imporre un’ennesima tassa di 2’000 fr. si sono beccate delle aggiunte di 300 fr. per…

Leggi tutto

Non facciamo cazzate e non votiamo Zali, comunque

Non facciamo cazzate e non votiamo Zali, comunque

di Shevek Esiste una regola universale: “La gente non sceglie la copia, quando può avere l’originale”. È una buona regola, finora comprovata dall’esperienza. Una regola spesso ribadita a Sinistra: “Noi non dobbiamo diventare incivili come i leghisti, non dobbiamo parlare come loro, scrivere come loro, né dobbiamo condurre le loro battaglie xenofobe, non solo perché non è giusto e noi siamo migliori di loro, ma anche perché sarebbe controproducente, facendoci perdere i voti dei nostri…

Leggi tutto

Boris c’ha poi ragione

Boris c’ha poi ragione

Eh sì, duole dirlo, ma il Boris stavolta è più coerente del ministro Zali: “La LEGA deve tornare a fare la LEGA (…) Le targhe alterne lasciamole ai verdi, almeno fino a quando non vedremo gli effetti positivi di Alptransit”. Boris per pararsi il culo conclude: “P.S non si tratta di sfiducia verso Claudio Zali, visto che è risaputo che sono stato io tra i pochi a volerlo come consigliere di Stato nel 2013 (dopo…

Leggi tutto

Fuga di Gas: Zali talebano!

Fuga di Gas: Zali talebano!

In questo cantone non ci si annoia proprio mai. Claudio Zali ha presentato un piano per pulire un po’ lo schifo d’aria che respiriamo. Nulla di che: targhe alterne, domeniche a piedi, tutte cose ampiamente diffuse nel resto dell’Europa tranne che nell’immaginario leghista. Il giudizio del neopresidente UDC Marchesi? “Zali è un talebano!”. Bene, bravi, bis!

Leggi tutto

Tassa di collegamento: grazie a PS e Verdi

Tassa di collegamento: grazie a PS e Verdi

della Redazione È di sicuro il Mendrisiotto, stavolta, a cogliere la vera vittoria nella tassa di collegamento sostenuta spasmodicamente da Verdi e socialisti. È infatti anche grazie a personaggi come Jessica Bottinelli dei Verdi o Ivo Durisch del PS se questa martoriata regione può, letteralmente, tirare un sospiro di sollievo. E lo può tirare sperando di respirare meno polveri fini. Perché ricordiamo che la tassa di collegamento non ha solo lo scopo di cercare di…

Leggi tutto
1 2 3 4