Scoperta l’origine del tiramisù?

Scoperta l’origine del tiramisù?

di Olaf Il segreto pare sia stato svelato venerdì 13 maggio al Salone del libro di Torino: il tiramisù, uno dei dolci italiani più amati e conosciuti al mondo, non ha una storia di secoli, non è nato in Toscana nel XVII secolo e neppure a Torino nell’800 e neppure a Treviso nel 1970, bensì qualche decennio prima, sempre in zona Marca Trevigiana comunque (oggi Friuli Venezia Giulia), in un posto indefinito tra Pieris di…

Leggi tutto

Fragole, tanti dolci e un risotto

Fragole, tanti dolci e un risotto

di Olaf Vero, oramai le fragole si trovano tutto l’anno (passati i tempi di “Asterix il gallico”, fumetto anni ’60 in cui si mostrava un povero centurione che doveva percorrere tutto l’impero per trovarne un cestino), ma per chi segue le stagioni è maggio il mese in cui cominciano a maturare – quest’anno visto il tempo ritarderanno un po’, ma non importa. Dalle innumerevoli proprietà curative (udite udite donne: un sito gli assegna pure proprietà…

Leggi tutto

È primavera, tempo di aglio orsino

È primavera, tempo di aglio orsino

di Olaf La primavera è la stagione per gustare l’aglio orsino, una pianta aromatica spontanea usata da secoli in cucina e come pianta officinale. L’aglio orsino deve l’origine del suo nome, con molta probabilità, al fatto che gli orsi, concluso il letargo invernale, si nutrono in grandi quantità di questa piantina, che cresce preferibilmente nei boschi sotto i 1.000 metri d’altitudine in luoghi umidi. Dunque vicino a ruscelli, pozze d’acqua, fiumi e laghi e stagni,…

Leggi tutto

Le idee di Susanita: food art

Le idee di Susanita: food art

Piatti dorati, ceramiche preziose, stoffe voluttuose accompagnano la creazione di questi piatti. Susanita Michelle ci regala le sue composizioni, in cui i colori si inseguono felici e pacifici, in un Carnevale vivente. Coriandoli di melograno, pennacchi di rambutan e polpe di mango, uniti in composizioni che rasserenano l’anima. Una food art tutta da gustare.

Leggi tutto

La cazzoeula, o la odi o la ami

La cazzoeula, o la odi o la ami

di Olaf Tempo di mazza (del maiale), tempo di cazzoeula – o cassoeula se vogliamo pronunciarla e scriverla più alla lombarda. Tant’è che proprio recentemente si è svolta in Ticino una rassegna apposita. È uno dei piatti che non conosce mezze misure – o lo odi o lo ami – e che soprattutto è ingiustamente sottostimato. Fondamentalmente è una specie di bollito o stufato misto di maiale cui si aggiungono delle verze, una specie di…

Leggi tutto

Dio, perché ci fai questo?

Dio, perché ci fai questo?

di Olaf Che gli inglesi mangiassero male è risaputo, ma che giungessero a tali livelli di abominio nessuno se lo sarebbe mai aspettato. Gli è che nel Regno Unito e nell’ex colonia che sta dall’altra parte dell’Atlantico si sta compiendo un disgustoso delitto gastronomico. È boom di vendite di caviale, che però invece di finire su minuscole tartine, possibilmente imburrate, o su altri piatti che ne esaltino la sua pregiata rarità viene usato come grossolano…

Leggi tutto

Non ci sono più i Quattro di una volta

Non ci sono più i Quattro di una volta

di Amélie Nella mia infanzia sono transitati parecchi animali: gatti, criceti, cani, canarini… Dinosauri no: io avrei voluto ma i miei non me l’hanno mai permesso. In famiglia non ci siamo mai preoccupati più di tanto della loro alimentazione. Non nel senso che davamo le ossa ai canarini o la ricotta ai gatti. però li abbiamo sempre cresciuti in modo – diciamo così – nostrano, dando loro prevalentemente gli avanzi di quello che si mangiava…

Leggi tutto

Il frutto perfetto

Il frutto perfetto

di Solange Quest’estate, come in tutte le altre, mi sono cimentata con mio marito nella salsa. Lo so: non ne vale la pena, ti costa meno comprarla. Ma vuoi mettere il gusto? Se compro una passata in negozio ora mi sembra di assaggiare un mélange di ketchup e detersivo per piatti. Invece la salsa fatta in casa ha almeno il sapore della nostra passione, è vellutata e morbida e ogni volta che la usiamo evoca…

Leggi tutto

Galimberti detesta i Ticinesi, anzi gli Svizzeri… e l’UDC che fa?

Galimberti detesta i Ticinesi, anzi gli Svizzeri… e l’UDC che fa?

della Redazione Qualcuno ricorda lo slogan dell’Unione Democratica di Centro? “Gli Svizzeri votano UDC”. Chissà se gli Svizzeri (e i Ticinesi in particolare) che votano UDC sanno che l’addetto stampa della sezione ticinese del Partito li detesta? Riassumiamo: Corrado Galimberti, vegano puro e duro, spara a raffica schifose battutacce razziste. Ne abbiamo già parlato qui e qui, e del resto la notizia ha ormai varcato le Alpi, fino ad approdare sul “Blick” e su “Südostschweiz”….

Leggi tutto