AITI chieda scusa al PS

AITI chieda scusa al PS

Un conto è la dialettica politica, un altro è schernire e insultare un partito di governo. Un conto è difendere i suoi associati e quindi legittimamente i loro interessi di bottega, un altro è disprezzare pubblicamente un partito che da più di un secolo contribuisce in Ticino e in Svizzera a governare il paese e garantirne la prosperità. Spiace che queste differenze non valgano per Stefano Modenini, direttore di AITI. Modenini ha attaccato frontalmente tutti…

Leggi tutto

“Non mangerei costine in cima al camino dell’inceneritore”

“Non mangerei costine in cima al camino dell’inceneritore”

della Redazione Henrik Bang è un deputato molto popolare. Deve questa popolarità sicuramente alla sua esuberanza e alla sua simpatia, ma anche al lavoro che svolge in Gran Consiglio. Henrik è un forestale, diventa quasi osmotico che si occupi d’ambiente. Ieri, come sempre, i limiti di porcherie nell’aria sono stati superati. Henrik Bang oggi parla di inquinamento estivo, ma già nel febbraio di quest’anno ha depositato in Governo un’interrogazione non ancora evasa. Tenendo presente che,…

Leggi tutto

Abbagli alla cannabis

Abbagli alla cannabis

di Alessandro Schirm Né Schnellmann (candidato PLR al Consiglio Comunale e al Municipio di Lugano) né Beltraminelli sono, per quel che ne sappiamo, dediti alla cannabis. Certo se ne caldeggiano ultimamente gli effetti medici e terapeutici, potrebbe benissimo darsi che il Ministro della Sanità sia sensibile alla problematica. Quello di cui non si sono accorti però, né lui né Schnellmann, è che la mascherata in questione non è, in realtà, pro raddoppio, ma un’evidente presa…

Leggi tutto

Beltraminelli: l’inquinamento? Colpa delle sigarette

Beltraminelli: l’inquinamento? Colpa delle sigarette

di Corrado Mordasini Io ringrazio il buon Gesù. Lo ringrazio perché nella sua immensa pietà ci ha risparmiato che Beltraminelli intraprendesse gli studi di medicina. Purtroppo, però, Gesù si deve essere distratto un attimo quando Paolo è diventato ministro della sanità in Ticino. Ma procediamo con logica. Henrik Bang, deputato socialista in Parlamento, attacca Fabio Regazzi, che sta all’ambiente come un cetriolo a una biella di motoscafo, e contesta veementemente le cifre fornite dallo stesso…

Leggi tutto

Un nuovo inizio

Un nuovo inizio

di Markus Zommerman Ieri, nelle elezioni per il rinnovo del Consiglio di Stato, il Partito Socialista ha perso circa l’1,5% e un po’ tutti parlano di sconfitta. Lo scrivono gli editorialisti dei quotidiani, lo sussurra la base e lo hanno detto chiaramente anche i vertici del partito. In realtà, visto come si erano messe le cose in agosto (ricordate il cecchino per Bertoli?), io mi aspettavo che la Sinistra perdesse il 3 o addirittura il…

Leggi tutto

Clap clap… Sergio Savoia

Clap clap… Sergio Savoia

di Corrado Mordasini “Con un voto pressoché incomprensibile, i due partiti storici e la Lega hanno detto ‘no’ al marchio Ticino, che avrebbe tutelato le aziende che assumono prevalentemente lavoratori residenti, che pagano salari dignitosi e che non fanno ricorso a subappalti con i padroncini…”. Così dice Sergio Savoia, dopo la trombatura della proposta socialista di Henrik Bang di istituire un marchio statale di qualità per le aziende. Certo, Sergio. Avrebbero dato finalmente dignità alle…

Leggi tutto

I borghesi del tanto fumo e zero arrosto

I borghesi del tanto fumo e zero arrosto

di Santerre E niente, i partiti borghesi non sono riusciti ad approvare qualcosa in favore del mercato del lavoro ticinese nemmeno l’ultimo giorno di attività del Gran Consiglio: è più forte di loro. Il contendere, stavolta, era una proposta in difesa del lavoro in Ticino, la creazione di un marchio etico con il quale valorizzare le aziende che assumono personale residente. L’idea del socialista Henrik Bang è stata bocciata dalla maggioranza del Parlamento, maggioranza a…

Leggi tutto