Asilo, i numeri contano più degli urli populisti

Asilo, i numeri contano più degli urli populisti

Continua il calo delle domande di asilo presentate in Svizzera. Nel mese di luglio, infatti, si sono fermate a 1’694. Se il conto rispetto a giugno porta un misero +60, è interessante il confronto con il mese di luglio dell’anno scorso, il 2016: -31,6%, un terzo in meno. Un dato che fa riflettere, perché, come indicato dalla Segreteria di Stato della Migrazione, siamo di fronte al numero più basso registrato dal luglio 2010. Traduzione: negli…

Leggi tutto

Cosa vuol dire essere un migrante?

Cosa vuol dire essere un migrante?

Un immigrato spesso viene da Stati dove c’è la carestia, dove per avere l’acqua devi percorrere chilometri o dove, se non muori per la fame, muori per mano di un dittatore sanguinario o di gruppi terroristici islamici. A partire sono in particolare uomini ma anche famiglie e bambini: partono perché dove vivono rischiano la vita e preferiscono rischiare di morire in nave o nel viaggio piuttosto che vivere in luoghi dove la morte è più…

Leggi tutto

Ma facciamoli lavorare ‘sti asilanti!

Ma facciamoli lavorare ‘sti asilanti!

di Corrado Mordasini Robbiani, nonostante la canicola, continua con la sua ossessione per gli asilanti. In Ticino ci sono problemi a livello sanitario, disoccupazione, problemi di lavoro giovanile, dumping salariale, lavoro nero, turismo in forte calo, ma per Robbiani l’unico vero grande problema sono gli asilanti. Tanto che una buona metà delle sue inutili interpellanze, interrogazioni o articoli trattano proprio la sua ossessione per un “problema” che, anche se eliminato, non migliorerebbe di una virgola…

Leggi tutto

Blocher preoccupato dai populismi. Ah, ok

Blocher preoccupato dai populismi. Ah, ok

di Bruno Samaden Domenica grazie al SonntagsBlick siamo venuti a sapere che Christoph Blocher è molto, ma molto preoccupato per gli estremismi populisti che stanno dilagando in Europa. Carino, no? Fa effetto leggere uno che ha fatto dell’estremismo e del populismo le proprie fortune politiche dire che no, gli altri stanno proprio esagerando. E perché starebbero esagerando, di grazia? Semplice: perché a) il Front National di Marine Le Pen è “nazionalista e socialista”; b) dimostrano…

Leggi tutto

Rusconi, e ora gli insulti della tua gente te li pigli tu?

Rusconi, e ora gli insulti della tua gente te li pigli tu?

Scusateci se scegliamo un momento inadatto per questo articolo. Siamo affranti da quel che è successo a Orlando. Ma non possiamo permettere che il rumore dell’americano assassino copra le dichiarazioni esplosive di Pierre Rusconi su LiberaTV sulla votazione del 9 febbraio 2014 sull’immigrazione di massa. Pierre Rusconi era fino al 2015 membro ticinese del parlamento nazionale per l’UDC. Pierre Rusconi con l’UDC ha fatto votare il popolo svizzero, dicendo che la Svizzera non ha bisogno degli Accordi…

Leggi tutto

Solidarietà internazionale e cinismo liberale

Solidarietà internazionale e cinismo liberale

della Redazione La Commissione di inchiesta sull’Eritrea, per incarico dell’Alto Commissariato ONU dei Diritti Umani, ha steso un nuovo rapporto che attesta il clima di terrore e la repressione sistematica dei dissidenti messa in atto dal governo, che fa subire alla popolazione dello Stato africano lavori forzati e carcerazioni arbitrarie. Contro questi soprusi, qualificati addirittura quali crimine contro l’umanità, la Commissione invoca l’intervento internazionale e adeguate sanzioni. In contemporanea, nella nostra pacifica Svizzera, la neo…

Leggi tutto

Dagh a trà a un scemo

Dagh a trà a un scemo

di Corrado Mordasini Questa colorita locuzione dialettale c’è anche in italiano, esprime una certa umiltà da chi la proferisce e, nonostante tutto, impone un’attenzione al consiglio, sottintende che anche se viene da persona non necessariamente intelligente può comunque valere qualcosa. Nell’anno passato abbiamo visto virulente e offensive aggressioni al ministro Bertoli, lo scemo del villaggio, colui che umilmente faceva notare che i famosi bilaterali si sarebbero dovuti rivotare. UDC e compagnia bella, avevano preso per…

Leggi tutto

Volevano sparare a Bertoli, lo faranno anche sugli elettori?

Volevano sparare a Bertoli, lo faranno anche sugli elettori?

di Marco Cattaneo Nell’ambito delle votazioni federali dello scorso 28 febbraio, quindi, ricordiamo, con di mezzo anche la disumana Iniziativa d’attuazione lanciata dall’UDC e miseramente fallita, VOX ha chiesto agli interpellati anche cosa preferirebbero tra il mantenimento degli Accordi bilaterali e l’applicazione alla lettera dell’iniziativa democentrista “Contro l’immigrazione di massa”. Il risultato è sorprendente, soprattutto per quanto riguarda il Ticino. La preferenza agli Accordi bilaterali viene accordata da una maggioranza schiacciante, in tutte le regioni…

Leggi tutto

Meglio pagare 290’000 fr. che accogliere 10 asilanti

Meglio pagare 290’000 fr. che accogliere 10 asilanti

di Alessandro Schirm E poi ci lamentiamo se ci alzano il moltiplicatore del 2%. A volte mi domando quali abissi inenarrabili di cretinismo riescano a fare breccia nel mio Paese. Un fantastico esempio è il comune di Oberwil-Lieli, in Argovia: un comune di ricconi a guida, inutile anche dirlo, UDC. A riprova che i ricchi in fondo fanno sempre il cavolo che gli pare, gli altruisti abitanti di Oberwil, hanno deciso di pagare al Cantone…

Leggi tutto

Ma l’UDC ci fa o ci è?

Ma l’UDC ci fa o ci è?

di Bruno Samaden Yves Petignat, commentatore di “Le Temps”, nell’edizione di sabato si è chiesto come mai l’UDC non si renda conto di come l’immigrazione stia calando rendendo grossomodo inutile il loro famoso articolo costituzionale del 9 febbraio e di quanta immaginazione ci voglia per dire, di fronte a statistiche che dicono l’esatto contrario, che invece la situazione stia peggiorando. La sua risposta, che ci sentiamo di condividere, è che l’UDC non può trovare successo…

Leggi tutto
1 2