Il culo del mondo

Di

20141018reynier

di Jean-Marie Reynier

faccinaGASreynierPer una volta non è il Ticino a fare una figura barbina sulle pagine delle grandi testate internazionali, bensì Parigi, la capitale dell’arte mondiale che in questi giorni ospita la FIAC. I moralisti bacchettoni sono ovunque e questa notte hanno vandalizzato l’installazione rappresentante un plug anale (o un albero di Natale, dipende dai punti di vista) dell’artista americano Paul McCarthy.

Il caso Dadò di quest’estate ci ha dato una visibilità mai sperata a livello internazionale. Il suo acume e la sua morale ferrea (ricompensata con una candidatura di altissimo spessore ideologico) hanno regalato al Ticino nel mondo una visibilità degna dei vandali parigini che hanno tagliato i fili che reggevano l’opera del maestro americano.

Ora suggerisco al politico locarnese di organizzare una gita scolastica di partito a Parigi e di proporre alla Ville Lumière uno storico gemellaggio con Bignasco, paese nel quale vive il nostro eroe delle montagne e degli strapiombi culturali.

Siamo sulla strada giusta: grazie alla globalizzazione culturale tutto il mondo è paese… ma non dimentichiamo che ogni villaggio ha il suo scemo.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!