Il significato delle parole

Di

20141007mordasini3

di Corrado Mordasini

faccinaGASmordasiniPoco fa Gobbi al Quotidiano, in merito alle nuove celle per detenuti in cura psichiatrica: “Non chiamatele celle”.

Certo. E i radar non si devono chiamare radar ma fotografatori di frontalieri e la tassa sul sacco non si deve chiamare tassa.

Questa negazione dei vocaboli si diffonde tra i ministri leghisti più velocemente dell’ebola.

Comunque a casa mia una cella, seppur con le copertine a fiori, ma monitorata 24 ore su 24 e chiusa ermeticamente, rimane una cella. Va bene, eh! Niente in contrario. Fatichiamo a capire perché le cose non devono essere chiamate col loro nome, ma ci adeguiamo.

Probabilmente la prossima frase topica del simpatico e grassoccio ministro sarà: “Non chiamatela trombatura”.

(Foto: J. McAllister)

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!