La Lega del bla bla

Di

20141023aspasia

di Aspasia

faccinaGASaspasiaMa guarda un po’, come usa scrivere il manichino che dirige “il Mattino”: il Tribunale cantonale amministrativo ha dato ragione al consigliere di Stato Bertoli che, tra due docenti validi, ha scelto quella residente in Ticino anche se la commissione di esperti avrebbe preferito quello di Varese. Indicazione consultiva e non vincolante, osservano i giudici, riconoscendo all’autorità di nomina un ampio potere di apprezzamento.

Tagliando un po’ con l’accetta, la filosofia è chiara: avendo candidati capaci, va preferito quello residente in Ticino (che sia ticinese, italiano, turco o kirghiso), poiché sarebbe assurdo creare un disoccupato nostro per farne avere uno in meno all’estero. Si ripeta: candidati capaci, non sverze.

Del resto il Dipartimento di Bertoli aveva già ottenuto un risultato significativo nei mesi scorsi. Davanti alla crescita di “falsi” apprendisti, ovvero cittadini residenti all’estero maggiorenni e già con una professione in mano, il DECS aveva bloccato la loro assunzione quali tirocinanti da parte di aziende furbette (che così pagavano un professionista come un apprendista). Risultato: il loro numero si è magicamente dimezzato.

Al domenicale non interessano queste notiziette. In compenso sbraita more solito contro il consigliere che però allo stato attuale ha fatto molto più della Lega (del resto ci voleva poco: la Lega strilla e strepita ma fino a oggi non ha cavato un ragno dal buco) per tutelare gli interessi dei nostri giovani e dei nostri docenti.

(Foto: B. Arapovic)

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!