L’ingrediente segreto

Di

20141015artemisia

di Artemisia

faccinaGASartemisiaPremessa:
La bufala è una delle risorse più grandiose, in certe situazioni. E no, non ci riferiamo (sfortunatamente) alla deliziosa mozzarella, ma alla panzana, la voce di corridoio, la leggenda metropolitana. Un sacco di bufale ci pervade, complice l’accattivante morbosità che suscita la migliore delle indignazioni. Uno degli effetti più devastanti della bufala consiste nell’aizzare sotterraneamente paure, diffidenze e sottili razzismi. Ecco dunque il motivo scatenante di questa nuova rubrica, le Perle di Pirla: il diritto di godere di alcune cose senza che la fobia collettiva ce le rovini.


“beeello / bello impossibileee / con gli occhi neri e il tuo sapor mediorientaleee…”

La prima Perla riguarda il Kebab, l’ormai arcinoto panino o piadina farcito di verdure, salse, patatine e carne tagliata da uno spiedo rotante. In un periodo imprecisato tra il 2008 e il 2009 comparve nel web l’agghiacciante notizia riguardante un “ingrediente segreto”. Ancora oggi la notizia viene spifferata e condivisa, attestandosi nella hit parade delle voci giovanili, assieme alla siringa con l’AIDS al cinema o i coccodrilli albini nelle fogne di New York.

Per i meno smaliziati, trattasi dello straniero lurido inside che fa lo scherzone all’allocco bianco, praticando l’autoerotismo con la finalità di arricchire gli ingredienti della pietanza sfruttando l’insospettabile texture della salsa allo yogurt.

Dal presunto caso di Padova fino a fantomatiche tracce di sperma di cavallo e di agnello, da fonti che citano “80 tipi diversi” (uno zoo?) fino a più morigerati 22. In alcuni casi le percentuali truccate ci fanno prendere un infarto: il 75% dei kebabbari in Italia si darebbe a questa pratica, secondo alcuni.

La particolarità? È sempre un amico che ha letto l’articolo, sono sempre giornali autorevoli ad aver riportato i risultati della ricerca… Ma esiste una sola fonte a questa tonante boiata e una semplice ricerca su Google lo può documentare!

Insomma, panini in serenità per tutti.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!