Pellanda, a casa!

Di

20141014follettorosso

del Folletto rosso

follettorossoChe Giorgio Pellanda, come canta Vasco Rossi, “non è più quello che era” lo abbiamo capito da un pezzo. E molto meglio avrebbe fatto il Governo a suo tempo a nominare Michele Passardi a direttore dell’EOC invece di questo emissario delle cliniche private, col risultato che stiamo vedendo nella pianificazione. Ma quel che qui ci interessa è il confronto fra il viceprimario che fattura a sbalzo e continua a lavorare per l’Ente e il medico che denuncia il malcostume antico e diffuso e non certo eccezione e viene silurato in tronco.

Quello che più fa rabbia è l’arroganza e la supponenza di Pellanda, che nella conferenza stampa di lapidazione del dottor Lepori ha pronunciato la frase seguente:

“Chi sputa nel piatto dove mangia non merita fiducia.”.

Questa frase demenziale, peraltro prezzemolo del lessico ticinese, è una delle massime più sballate dell’esistenza umana ed è la quintessenza della censura. Un operaio delle FFS non dovrebbe fare critiche alla Ferrovia, pena il licenziamento (Officine?… tutti a casa!), un dipendente del Cantone o della Confederazione dovrebbe guardarsi dal contestare alcunché sennò “Raus!” e via dicendo? Forse a sputare sul piatto della sanità cantonale è piuttosto chi cerca di svenderla alle cliniche private.

Bravo, Lurati: Pellanda, a casa!

(Foto: CMSRC)

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!