Siamo ricchi, ma aveva ragione Trilussa

Di

20141015shevek

di Shevek

faccinaGAScagnotti

La statistica

Sai ched’è la statistica? È ‘na cosa
che serve pe fà un conto in generale
de la gente che nasce, che sta male,
che more, che va in carcere e che spósa.
Ma pè me la statistica curiosa
è dove c’entra la percentuale,
pè via che, lì, la media è sempre eguale
puro co’ la persona bisognosa.
Me spiego: da li conti che se fanno
seconno le statistiche d’adesso
risurta che te tocca un pollo all’anno:
e, se nun entra nelle spese tue,
t’entra ne la statistica lo stesso
perch’è c’è un antro che ne magna due.
– Trilussa

Dice che siamo ricchi. Ricchi sfondati. Ricchi a strafottere. Nel mondo la ricchezza delle economia domestiche è cresciuta e ormai raggiunge i 56 mila dollari pro capite: lo dice il Credit Suisse nello studio dal titolo “Global Wealth Report 2014”. Una fonte autorevole, insomma. E la Svizzera è il Paese dei nababbi, prosegue lo studio: qui il patrimonio di ogni adulto è di 581 mila dollari per ogni adulto.

A questo punto fai un salto sulla sedia, ti colleghi all’ebanking e controlli se davvero, di colpo, ti sono comparsi 581 mila dollari sul conto. Così, dal nulla. Magari te li ha regalati il Credit Suisse. Macché: niente. La solita miseria sul conto stipendio, il modesto gruzzoletto sul conto risparmio per le emergenze e per far studiare i figli. Di quel mezzo milione di dollari non c’è traccia. E dunque? Dunque aveva ragione Trilussa: se io ho due polli e tu nessun pollo, per la statistica abbiamo un pollo ciascuno. Nel nostro caso: tu sei povero, ma c’è qualcuno così mostruosamente ricco da rendere benestante anche te.

Lo conferma il “Corriere del Ticino”:

“Altro punto interessante: fra i dieci Paesi di cui sono disponibili dati di lungo periodo la Svizzera è l’unico in cui negli ultimi cento anni non è praticamente diminuita la disparità nella distribuzione della ricchezza. Questo è il motivo per cui la Confederazione mostra tuttora il più grande squilibrio in questo campo fra tutte le nazioni industrializzate. E ciò spiega anche il fatto che fra i più agiati del pianeta si trovano molti svizzeri: se si considera la quota dell’1% più benestante del mondo, l’1,7% risiede nella repubblica alpina. Un valore che gli esperti di Credit Suisse ritengono «notevole», considerato che i 26 Cantoni ospitano solo lo 0,1% della popolazione mondiale.”

Capito? Siamo il Bengodi dei ricconi. Mai visti altrove tanti plutocrati come qui. Sono loro a far alzare la media. Sicché, leggendo del mezzo milione che dovresti avere ma non hai, se non sei felice, se ti senti preso per i fondelli, se hai un bruciorino là sotto, un motivo ci sarà.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!