I Verdi alla scuola di Quadri

Pubblicità

Di

20141106cagnotti

di Marco Cagnotti

faccinaGAScagnottiAvete presente il tormentone “antileghismo isterico del partito dell’odio”? Roba da Lorenzo Quadri, giusto? Beh, Quadri ha fatto scuola. E i Verdi stanno studiando con impegno e applicazione. Diciamo la verità: sono anche dotati per natura.

In un comunicato stampa ripreso da Tio.ch, i Verdi strillano incazzati contro il Partito Socialista perché in un Folletto rosso (ripreso anche dal GAS, peraltro) sono stati stuzzicati sul caso di Claudio Zanini. E parlano de

“l’ennesimo atto di violenza politica ad opera della dirigenza PS. Una dirigenza che pare voler incamminare il partito sulla strada dell’odio”.

Aggiungono poi:

“I Verdi ritengono che in questo momento il nostro cantone abbia bisogno di soluzioni, e non di polemiche e di campagna elettorale. Perciò noi abbiamo deciso di dedicare alle elezioni lo stretto tempo necessario per consacrare tutte le nostre energie – con determinazione e ottimismo – agli importanti dossier che stanno a cuore ai ticinesi, soprattutto nell’ambito della difesa del lavoro.”

E ancora:

“I Verdi respingono un modo di far politica indegno di un paese civile. Purtroppo l’atteggiamento socialista non riguarda solo le forze politiche, ma si estende a quegli elettori rei di non votare come il PS vorrebbe, ripetutamente insultati con epiteti che vanno dal fascista, al razzista o all’ignorante, quando va bene.”

Urcavé! Ci van giù pesantucci, eh? Noi però buttiamo un’occhiata al passato:

“…il partito socialista è in mano a una banda di intellettuali piccolo borghesi, che si percepiscono come élite politica della nazione. A costoro il popolo fa un pochino senso. Tale illuminata schiera ha perso ogni contatto con la realtà e, da tempo immemore, non fa altro se non salire in cattedra a fare prediche al popolino reo di essere disperatamente ignaro di ciò che gli farebbe bene.”

E ancora:

“…questa dirigenza socialista è costituita da piccolo borghesi che giocano a fare i rivoluzionari, da sindacalisti che appena possono si mettono d’accordo con i padroni perché raccattano soldi con i contratti collettivi, da intellettualini di provincia tutti svenimenti e mossette.”

Chi ha scritto queste perle di amorevolezza, tanto lontane dalla “strada dell’odio”? Lasciamo ai lettori il piacere di cliccare sul link e di godersi la risposta. Giusto per farsi un’idea del livello di civiltà dei moralisti verdi, così degno di un Paese civile.

Perché i Verdi, nella persona del loro coordinatore, non attizzano le polemiche. No no no. Proprio no.

Com’era il proverbio? “Chi semina vento…”.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!