Il Ticino ed Ecopop

Di

20141031scarinci

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciIl primo sondaggio SSR SRG sulla votazione lanciata da Ecopop afferma che il dato nazionale prevede il 38% di consensi all’iniziativa, mentre in Ticino i Sì raggiungono il 51%. Il motivo di questo risultato non va cercato attraverso discussioni politiche o sofismi sui risultati ticinesi di qualunque votazione su argomenti europei, perché è molto più terra terra e per certi versi banale: i frontalieri.

Da noi in Ticino su Facebook sotto ai link di quotidiani, siti di news on line, addirittura di un Consigliere di Stato si leggono commenti di persone favorevoli a Ecopop perché si son rotti i coglioni dei frontalieri. Di persone, quindi, che hanno talmente in odio lo straniero, il diverso dai noss gent, l’usurpatore di stipendi e prestazioni che nemmeno si prendono la briga di leggere (e capire) un testo in votazione prima di decidere cosa fare.

È notizia di pochi giorni fa che quel bolscevico mondialista di Christoph Blocher ha definito Ecopop un’iniziativa pericolosa e che nuocerebbe alla prosperità del Paese. Dovrebbe bastare per chiarire il quadro. Invece no.

Informandosi, chiunque scoprirebbe che, se passasse questa iniziativa, i frontalieri aumenterebbero a dismisura. Nonostante ciò, appena si può votare, buona parte del Ticino nasconde la testa nella sabbia e nemmeno legge, chiede, indaga. Ma non c’è da sorprendersi: questi politologi da social network sono gli stessi che durante i Mondiali si rifiutavano di tifare Svizzera perché nella rosa c’erano giocatori dal cognome straniero come Shaqiri, Drmic o Seferovic. E tutto si spiega.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!