La legge di Io

Pubblicità

Di

20141127barla

di Füs Barla

Ormai lo si dovrebbe sapere: la Lega e i Leghisti hanno due facce. Una battagliera, con le strisce mimetiche marroni sotto gli occhi: la faccia del Leghista puro e duro. L’altra pulita, con la pelle bianca e linda come il culetto dei bambini: quella del Leghista responsabile e di governo. Capita però che le due facce si spappolino una contro l’altra. E allora non si capisce più una cippa!

Noi i Leghisti, lo ammettiamo, non li amiamo molto. Però antropologicamente ci piacciono un sacco. Ci piace osservarli e cercare di capirli. Amiamo le sfide impossibili.

Il buon Quadri della Domenica lo abbiamo sentito migliaia di volte dire che la legge è uguale per tutti e da tutti deve essere rispettata. Arlind e Yasin non hanno il permesso di soggiorno? Allora via, fuori dalle balle! Ora però scopriamo che esiste anche un Quadri diverso: quello delle eccezioni.

La Città di Lugano è alla canna del gas (non alla nostra, eh!). Ha fatto festa fino a ieri, ma ora si è accorta che le casse sono vuote. Allora bisogna tentarle tutte pur di risollevare i conti.

Si sa che anche i duri piangono. Così il nostro Eroe della Domenica, abituato a urlare la propria rabbia contro gli stranieri e i frontalieri e i Balivi di Berna, mostra l’altra faccia del Leghista: quella del piangina. Così via di corsa a frignare dal governicchio bellinzonese, magari facendo affidamento sulla benevolenza dei ministri leghisti, a chiedere che la Città di Lugano possa non rispettare la legge.

Esiste una legge sulla perequazione finanziaria intercomunale? E chissenefrega! La Lugano della Lega chiede bellamente un’eccezione e quindi vuole violare questa legge, cioè non pagare. Hanno voluto una legge contro il burqa perché i musulmani che vengono in Ticino si devono adeguare ai nostri usi e costumi? E chissenefrega! Loro intendevano vietarlo in Ticino, mica nel Principato di Lugano.

Hanno bisogno di soldi e, quando si è disperati, i soldi non hanno né Legge né Dio.

Poveri Leghisti, senza più Legge e senza più Dio. Ma con la Legge di Io.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!