Le balle di Gobbi

Di

20141108am

di A.M.

Ieri ho letto con attenzione il commento di Fiorenzo Dadò in merito alla storiaccia dei bambini e dei genitori ecuadoriani.

Sorvoliamo sul tono da dittatore che utilizza : “Da adesso in poi non voglio vederne più nemmeno uno che soggiorni illegalmente sul territorio ticinese”. Tutto questo livore nei confronti degli “accattoni” io non lo capisco.

Provi lei, signor Dadò, a vivere in un furgone, d’estate e d’inverno, con i bambini piccoli, non per scelta ma perché è una delle poche alternative possibili. E poi, signor Dadò, gli ecuadoriani non chiedono nemmeno l’elemosina: loro stanno lì, davanti ai supermercati, negli autosili, in un angolo a suonare, e se tu vuoi donare qualcosa lo puoi fare, non sei mica obbligato, altrimenti te ne vai tranquillamente, come hai sempre fatto.

Ha ragione lei, signor Dadò: è stata fatta una politica da pezzenti e non è una questione di Sinistra o di Destra.

Gli ecuadoriani non se sono andati spontaneamente. Spontaneamente, signor Dadò, vuol dire che un mattino il padre ecuadoriano si alza con le ossa rotte per aver dormito nel freddo per l’ennesima notte sul fondo del furgone e capisce che vivere così è una merda e allora decide di provare a cercare un futuro migliore da un’altra parte.

Spontaneamente non è, come risulta dai verbali, “o se ne va senza fare storie oppure questa è l’ultima volta che entra in Svizzera”.

Ma il punto della questione non è nemmeno questo. Quello che mi fa ancora più incazzare, signor Dadò, è la mancanza totale di onestà da parte di un consigliere di Stato, che mente sapendo di farlo. Sa benissimo che gli ecuadoriani non hanno scelto di andarsene, ma gli è stato caldamente consigliato a farlo. Il nostro Consigliere di Stato, e poco importa se di Sinistra, di Destra, leghista o altro, ci racconta tranquillamente delle balle, senza scomporsi, continuando imperterrito sulla sua strada, confidando sul fatto che i Ticinesi siano a lì farsi prendere per il culo, credendo a tutto quello che lui dice.

E allora io mi chiedo, signor Dadò. Ma il ministro Gobbi, la sera, quando va a letto, con il suo bel pigiamone a righe, il piumone quattrostagioni che lo protegge dal freddo, e sta per essere inghiottito dal sonno ristoratore… ecco, proprio in quel momento, quando gli occhi si stanno per chiudere e il corpaccione si rilassa, pensando a quanto lavoro ha svolto durante tutta la giornata… in quell’istante, un dubbio non lo assale: ma raccontare una balla a tutto il Ticino è corretto sì o no?

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!