L’ecologia è solo una scusa

Di

20141026crivellisoledad

di Soledad Crivelli

faccinaGAScrivellisoledad“I sindacati svizzeri difendono buone condizioni di lavoro e uguali diritti indipendentemente dal colore della pelle o del passaporto. Questi valori fondamentali sono parte del nostro movimento e ne siamo orgogliosi”: con queste parole Paul Rechsteiner, del sindacato Unia, chiude l’intervista rilasciata su Ecopop.

Il 30 novembre saremo chiamati a esprimerci su questa iniziativa limitante e discriminatoria. Si vuole, con la scusa dell’ecologia, che è e resta comunque un tema fondamentale per la nostra sopravvivenza, limitare l’affluenza di immigrati nel nostro Paese. Immigrati che hanno contribuito a fare “grande” questo Paese.

Come dire: le persone, quelle non svizzere o residenti, ci danno fastidio perché sporcano e inquinano. La soluzione consiste nel limitarne l’affluenza. Ecco allora alcune domande inevitabili.

Perché si deve ricorrere a questo per salvaguardare l’ambiente? Perché crocifiggere l’essere umano, quello che fatica dalla mattina alla sera, quello che per sopravvivere deve “sbattersi” quando ci sarebbero altri metodi per ottenere una buona e sana politica ambientale? È allarme inquinamento? Allora limitiamo le emissioni di gas nocivi, limitiamo le costruzioni ingombranti che depredano il territorio, come i soliti centri commerciali con i relativi parcheggi. Sensibilizziamo le persone, educhiamole all’ecologia nelle scuole, al lavoro, nelle loro case.

Tutto nasce dall’educazione: investendo maggiormente su di essa avremo di sicuro una società più civile, più giusta, più sensibile. E senza ricorrere alla discriminazione di altre persone.

Approvare Ecopop significherebbe isolarci ancora di più all’interno di un continente che ci circonda, ci osserva e trae le proprie conclusioni.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!