L’iniziativa sull’oro e il franco a 1,20

Di

20141030giuseppez

di Giuseppe Z.

faccinaGASgiuseppezForse non siamo i soli a essercene accorti: con l’iniziativa sull’oro c’è qualcosa di molto più grosso in ballo.

Oggi il “Tages Anzeiger” nota che gli esperti della Bank of America hanno dedicato la loro analisi all’iniziativa lanciata in Svizzera. In particolare notano che, se l’iniziativa venisse accettata, la nostra Banca Nazionale non avrebbe più margine di manovra e il limite del cambio con l’euro a 1,20 verrebbe infranto.

È chiaro: se gli speculatori dopo un Sì dovessero attaccare il franco, la Banca Nazionale dovrebbe stampare franchi e di conseguenza anche comprare oro, facendone esplodere il prezzo. Risultato: credibilità della Banca completamente frantumata, franco a picco, e chi ora ha oro in tasca si fa le palle… d’oro. E ciao ciao al potere d’acquisto per la gente comune.

Ma credete davvero che sia un caso se l’iniziativa è stata lanciata dagli stessi ambienti che hanno abbattuto con una shitstorm di gran classe il vecchio direttore della Banca Nazionale Philipp Hildebrand, che voleva un cambio alto? È tutto programmato, è alto tradimento camuffato da democrazia diretta!

Non facciamo i finti tonti: la politica non è roba per gente debole di cuore e Machiavelli ce lo ricordava già nel Cinquecento.

(Foto: Chepry)

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!