La RSI replica

Pubblicità

Di

20141225giorgio

di Giorgio

faccinaGASgiorgioLeggo che la RSI, immagino in particolare il suo direttore, ha preso cappello in seguito a una presa di posizione finalmente decisa del Consiglio del Pubblico (CP), nella quale si sostiene tra l’altro che nelle trasmissioni informative, specialmente ne “Il Quotidiano”, si vedono con eccessiva frequenza i politici, i Consiglieri di Stato in particolare, e che si parla troppo dei processi in corso. Dalla risposta piccata della RSI si deduce che, durante un incontro con il Consiglio, i capi hanno tenuto a relativizzare.

Io non capisco come si possa relativizzare l’eccessiva presenza dei Consiglieri di Stato, se do per buono, anche con un errore del 10%, ciò che pubblica Antonia Burri. Se ne traggano le dovute conclusioni.

Piuttosto mi meraviglia che, fra le sue osservazioni critiche, il Consiglio non abbia incluso l’insulsa anglomania galoppante e nemmeno la sconcertante dizione di lettrici e lettori. Dizione che ultimamente si è, diciamo, arricchita di un nuovo vezzo: non solo i nomi maschili sono pronunciati con la desinenza femminile in –a, ma addirittura li si gratifica dell’accusativo della prima declinazione latina in –am: “Buonaseram dallam Quotidinoam”, “…allam municipiam…”.

È così difficile su alla RSI ammettere le proprie pecche e correre ai ripari?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!