L’importanza di un contratto

Pubblicità

Di

20141227crivellisoledad2

di Soledad Crivelli

faccinaGAScrivellisoledadIn Svizzera il contratto di lavoro non necessita di alcuna forma scritta, particolarità sancita nel nostro Codice delle obbligazioni (CO): dimostrazione di quanto le parti siano “libere” di mettersi d’accordo come vogliono. Ecco, tutto sta qui: i nostri diritti e doveri in una manciata di pagine.

In qualità di dipendenti non abbiamo diritto a un salario minimo e, se guardiamo l’esito delle ultime votazioni, a quanto pare nemmeno lo vogliamo. Esso dev’essere convenuto direttamente col padrone. A meno che non ci sia un Contratto collettivo di lavoro (CCL). Allora tutto cambia: i salari sono già fissati al suo interno e tutto diventa più regolamentato. Se il sindacato di categoria lavora bene, i CCL sono decenti, abbastanza da far vivere in modo degno i lavoratori e le lavoratrici. Per ritornare al CO, purtroppo e secondo me volutamente, il legislatore ha lasciato molta libertà ai datori di lavoro, facendo trovare di tanto in tanto solo qualche zuccherino per noi dipendenti. Ecco, volevo partire da qui per far capire che uno dei mezzi più efficaci per combattere il dumping è proprio questo: il CCL.

Questo tipo di convenzione rende difficile la caduta verso il basso dei salari. I datori di lavoro sono obbligati a trattare ogni modifica con il rappresentante dei loro dipendenti, ossia il sindacato. In Ticino di CCL non ce ne sono abbastanza e questo è il problema: in settori come quello industriale, il sindacato fatica a entrare e i dipendenti sottovalutano l’importanza di aderire al sindacato. Forse perché frustrati, rassegnati, impauriti o magari solo perché disinteressati. Ed è un vero peccato, perché in quel settore il dumping è presente più che mai e i salari che girano sono davvero vergognosi: parliamo di meno di 15 franchi all’ora.

Quindi, in sintesi, anziché prendersela con il lavoratore d’oltre confine, che non fa altro che cogliere legalmente un’opportunità, bisognerebbe iniziare a tutelarsi con dei contratti decenti che impediscano al padronato di manovrarci e di metterci uno contro l’altro come dei burattini isterici.

(Foto: rocketjim54)

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!