L’URC e i consiglieri di Stato ciccioni

Pubblicità

Di

20141209mordasini

di Corrado Mordasini

faccinaGASmordasiniÈ recente la notizia che l’ufficio del lavoro il cui acronimo ricorda un cazzotto in pancia (URC!) manda allegramente gli iscritti alla disoccupazione a raccogliere firme per i referendum.

A parte che pagare per raccogliere firme, anche se è un’attività legale, è perlomeno dubbia dal punto di vista morale. Bisognerebbe poi sapere se gli URC sono equi e rispettano la campagna elettorale nel distribuire i raccoglitori tra i vari partiti. Interpellato, il direttore della divisione economia Stefano Rizzi dichiara che è pratica normale. A me piacerebbe sapere quali partiti fanno capo agli URC per raccogliere firme nei loro referendum, alla faccia del popolo.

Poi un altro dubbio mi viene: sarebbe come dire che i ricchi possono tranquillamente indire un referendum dietro l’altro. Con 7’000 firme da raggiungere non è difficile: c’è chi ne spende 20’000 per una targa! Se, mettiamo, pago un franco a firma, posso trovare vagonate di poveracci disposti a logorarsi le scarpe per guadagnare qualche copeco. Anzi, sapete che faccio? Risparmio i soldi sin d’ora e, invece di andare in vacanza, tra un paio d’anni mi regalo un bel referendum: per esempio sul peso dei consiglieri di Stato.

La mia proposta è questa: per una questione di salute, se vuoi fare il consigliere di Stato non devi superare un certo peso. Diciamo che si può tollerare un leggero sovrappeso ma non una discreta obesità. Ne va la sicurezza dello Stato: mica vogliamo consiglieri potenzialmente a rischio d’infarto, no? Che poi, con lo stress che hanno addosso, è un attimo. Qualsiasi riferimento a persone che ricoprono la carica o sperano di ricoprirla in futuro è puramente casuale.

Finché gli uffici del lavoro riterranno i disoccupati dei problemi e non delle opportunità non si farà un passo in avanti. Anche i disoccupati sono persone e hanno il diritto di sentirsi aiutati e non umiliati, come invece spesso capita. A quando una riforma seria dell’ufficio del lavoro?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!