Nuova Valascia, nuovo credito cantonale?

Pubblicità

Di

20141217scarinci

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciRicordate la guerra termonucleare che Lega e Savoia hanno condotto contro il credito concesso dal Consiglio di Stato per partecipare a Expo? Bene, la notiziola di ieri è che o saliranno ancora sulle barricate o accetteranno con gioia che più di 4 milioni di franchi del Cantone siano destinati alla delocalizzazione della Valascia, la pista dell’Ambrì Piotta.

La pista dell’HCAP è su terreno edificabile, ma in un punto considerato ad alto rischio valanghe, al punto che la Lega Nazionale di Hockey ha intimato ai proprietari dell’infrastruttura di rinnovare l’impianto e metterlo in sicurezza. Il fatto è che puoi ristrutturare quanto vuoi, ma la zona resta di elevato pericolo, quindi l’unica alternativa rimasta in campo è stata quella della delocalizzazione. Tradotto: costruire una nuova Valascia, a Quinto.

Ieri il Consiglio di Stato ha chiesto per l’opera lo stanziamento di ben 4’748’840 franchi come sussidio cantonale. Neanche nell’Italia presa quotidianamente per il culo a queste latitudini sarebbe successa una cosa del genere. Un esempio per tutti: la Juventus, che per motivi di sicurezza e logistica a Torino non ha più voluto giocare né al Delle Alpi né all’Olimpico, ha aperto il portafoglio e ha costruito il suo nuovo stadio di proprietà. Idem, ma non scomodiamo i santi, il Bayern Monaco, che ha appena estinto il suo mutuo con una decina d’anni di anticipo.

Noi non ne facciamo una questione di tifo, ma chiediamo: i promotori del referendum contro il credito a Expo, che ne pensano? E il PPD del Presidente Lombardi che dice?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!