UE: oneri e benefici? Per me solo i secondi, grazie

Pubblicità

Di

20141201gennari

di Matteo Gennari

Quanto è responsabile l’Europa dei mali dei singoli Stati europei? Quale ricatto ha utilizzato l’Europa per obbligare gli stati ad aderire all’Unione? Siamo sicuri che sia l’UE con la sua rigidità a mettere in difficoltà i singoli Stati? Perché adotta procedure di infrazione con tanto di minaccia di multe?

Queste sono solo alcune delle domande che si sarà posto l’extraterrestre appena saputo delle polemiche antieuropeiste dopo essere atterrato con il suo UFO vicino a uno scarico di una fogna a cielo aperto in Sicilia.

Analogo discorso vale per i Bilaterali UE-Svizzera. Se i Bilaterali non erano accettabili, perché firmarli? I benefici degli scambi commerciali erano ampiamente sufficienti: perché allora sorbirsi la libera circolazione?

Mi sorge un dubbio: non è che i vari Stati europei e la Svizzera (o una sua parte politica) avevano furbescamente immaginato di ricavarne solo i benefici, evitando con opportuni stratagemmi gli oneri?

Quando si firma un contratto lo si legge tutto, compresi gli insignificanti particolari. Poi ci si aspetta che tutte le parti adempiano a quanto pattuito. Potremmo chiederci allora: chi è che non sta rispettando gli accordi?

Ora con tutta onestà è evidente qual è il problema in Europa: ricevere molto e dare poco, alla faccia dell’Unione.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!