Fondi BNS: le proposte della Lega Lago Est

Pubblicità

Di

20150205giorgio

del Fondatore, Presidente e Segretario Centrale ad interim della LLE, candidato in pectore al Consiglio di Stato e al Gran Consiglio

faccinaGASgiorgioChe si fa coi 56 milioni in arrivo in Ticino dalla BNS?

Sadis: 30 milioni a preventivo, 26 non si sa bene, forse appianare il deficit.

PPD: sostenere il lavoro.

Borradori e Co: congelare per un anno i contributi di risanamento che i Comuni versano al Cantone.

Maggi (Verdi): favorire l’inserimento lavorativo di chi non ha lavoro.

Ma scherzano?

Per Sadis:
Altro che diminuire il deficit! Il deficit non deve nemmeno esserci! Che si metta a risparmiare! Per esempio, chi mantiene i cosiddetti profughi a Losone? Che stipendio prende Marilena Fontaine, dell’Ufficio della legislazione, delle pari opportunità e della trasparenza? Ha mai pensato ai danni provocati dagli ungulati vicino a Sessa? No, eh? Prenda il fucile e, insieme con Righinotti e Reguzzi, vada a sparargli, così imparano e se ne stanno di là della Tresa. E gli dica, al suo collega Bertoli, che c’è poco da rinnovare la scuola: basta darla ai privati e sono centinaia di milioni all’anno risparmiati.

Per il PPD:
Il lavoro, e dovrebbero saperlo bene loro, che sono tutti casa e chiesa, è una maledizione di Dio, letteralmente:
“[Dio disse] Con il sudore del tuo volto mangerai il pane;?/ finché tornerai alla terra,?/ perché da essa sei stato tratto:?/ polvere tu sei e in polvere tornerai!”.
(Genesi 3, 19)
Solo degli incompetenti schiavisti possono proporre di scialare 56 milioni per condannare i propri simili (intendo la nostra gente) a subire una maledizione. Il punto 9. del nostro Manifesto (http://gas.social/2015/01/30/i-10-punti-del-manifesto-della-lega-lago-est/) è chiaro:
“Si deve favorire l’accesso al lavoro in Ticino di extracomunitari, negri, aztechi e Sioux, così da poter pagare stipendi bassi e rilanciare la competitività della nostra economia”.

Per Borradori:
Certo, ne abbiamo piena la cicoria di mantenere quelli d’insù che hanno abbastanza soldi da costruirsi un nuovo tempio a Quinto. Ma che cosa se ne farà la nostra gente del LAC? Andrà forse ad inchinarsi davanti a De Chirico, Fontana, Medardo Rosso, fallitalici della più bell’acqua? Perché non valorizzare i ticinesissimi Francesco Bernasconi fu Artemio, Giuseppe Rezzonico fu Quirino e Luigi Chiaretti fu Ateo, degni esponenti minori dell’Ottocento sottocenerino? Allora sì che la nostra gente accorrerebbe festante!

Per Maggi e consoci:
Loro non leggono la Bibbia (e fanno male, perché su di essa è fondata la nostra civiltà cristiana). se va bene, leggono altro. A loro si addice quanto risposto sopra ai PPD, con l’aggiunta che solo chi è senza pudore o vergogna, grumo di poteri forti asserviti all’UE, può sabotare il sacrosanto diritto all’ozio di chi, per colpa o fortuna sua, si trova a essere disoccupato e godere dei sussidi che lo Stato, mammina impicciona, eroga loro. Sì, “eroga”, come l’acqua e la corrente elettrica. Il mio bisnonno è emigrato in California, dove mungeva a mano centinaia di vacche al giorno: emigrino anche loro!

La Lega Lago Est si batte già sin da ora affinché i 56 milioni siano destinati, per cominciare, a:

  • allargare le strade, intasate fino all’inverosimile,
  • rottamare i semafori, che servono solo a peggiorare quanto al punto precedente,
  • rottamare, con il contributo alle spese di chi li ha messi, i radar sull’autostrada, che sono lì solo per fare cassetta,
  • pulire le rive del Lembro e del Mara,
  • costruire il muro a Sud, lasciando Pedrinate alla Lombardia,
  • calmierare i prezzi dei kiwi (frutti),
  • comprare altre paia di occhiali ai Municipali, così che possano definitivamente trattenere il ciuffo.

Per il resto si vedrà.

(Foto: Baikonur)

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!