Leoni e verginelle

Pubblicità

Di

20141231narzisi

 di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinci

In politica vale tutto, in campagna elettorale ancora di più. Ciò che però fa sorridere con un pizzico di amarezza è il vedere la trasformazione dei leoni in verginelle.

Il Consiglio federale, nella sua proposta di attuazione della votazione del 9 febbraio scorso, non ha fatto altro che collegare la proposta stessa di contingenti all’accordo per la libera circolazione stipulato anni or sono con l’Unione Europea. Semplicemente perché ogni decisione in merito a contingenti e numeri chiusi andrebbe a scontrarsi con l’accordo di cui sopra.

Cosa hanno fatto i leoni che vorrebbero mandare a cagare l’UE seduta stante? Si sono indignati, hanno parlato di truffa, di mancato rispetto verso la volontà popolare. Già che c’erano, alcuni di loro, quelli che hanno più il senso del cabaret, se la sono presa ancora con Bertoli: non sia mai che alla centesima volta vincano una luganiga premio.

No, signori. Nessuna truffa. La truffa semmai è stata fatta dall’UDC verso chi ha votato Sì a questa iniziativa. Nell’articolo messo in votazione si danno tre-anni-tre di tempo al Consiglio federale, quindi non si capisce tutta questa fretta. In campagna elettorale non hanno minimamente accennato al casino che sarebbe nato con l’UE, anzi, dicevano che no, sarebbe andata bene. Si legge inoltre, autentica perla, di regolamentazione in base “alle necessità dell’economia” senza specificare quale. Federale? Cantonale? Di Appenzello esterno? Non è il Consiglio federale ad aver truffato. Anzi.

Bisogna finirla di far le verginelle per accalappiare voti di gente che ha veramente problemi. In politica dovrebbero esistere quei concetti conosciuti ai più come “sincerità” e “pragmatismo”. Vale la pena buttarli via per un pugno di schede in più?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!