Persone di Serie A e persone di Serie B

Pubblicità

Di

20150220narzisi

di Marco Narzisi

Sembra ormai evidente che per il Mattinonline la qualifica di “lavoratore” non è universale e univoca, ma ha diversi valori e gradi di rilevanza, a quanto pare distinti e ordinati in base alla residenza.

Caso 1
Le Ferriere Cattaneo di Giubiasco decidono un taglio lineare del 7% degli stipendi ai frontalieri minacciando la delocalizzazione in Slovacchia in caso di mancata accettazione. La reazione del mattinonline? Pubblica un’intervista a Giorgio Fonio (quindi neanche uno del loro partito, ma l’endorsement della Lega per il suddetto mi sembra palese negli ultimi tempi, ma potrebbe pure starci) in cui il suddetto dice sostanzialmente che, se vanno in Slovacchia, poi non devono pensare di tornare qui (e io qui aggiungo: “Gnè gnè gnè, dispetto, ecco! Tanto i lavoratori a casa vanno e a casa rimangono”). Poi un’intervista al sindaco di Bissone che fondamentalmente dice che l’azienda ha fatto quello che doveva ed è colpa dei sindacati. Per il resto un assordante silenzio. E un po’ di gnocca sparsa per le pagine web.

Caso 2
Qualche giorno dopo, anche alla Exten SA di Mendrisio si propone un taglio degli stipendi, ma – attenzione! – qui vengono toccati anche i residenti (non necessariamente svizzeri, ma residenti) nella misura del 16%, inferiore al 26% imposto ai frontalieri. Apriti cielo! Titolone sui lavoratori in sciopero, i sindacati elogiati perché li spalleggiano, i datori di lavoro italiani additati come responsabili… Poi però basta, eh. Niente, torniamo a parlare delle multe di Casalini e dell’autoadesivo pro residenti.

Caso 3
Ovviamente nessun accenno alla Lex Fox Town. Ma come biasimare la Lega? Dopo i 200 e passa curriculum di Ticinesi consegnati a Tarchini in persona, dopo le polemiche sui frontalieri impiegati nel Leviatano del commercio ticinese, come fai poi a dirgli che non è giusto, che non dovrebbe aprire la domenica? E chissenefrega dei lavoratori.

Ora, è palese che per la Lega esistono persone di Serie A e persone di Serie B a seconda della provenienza geografica e del loro potenziale elettorale. Perciò vorrei dare un consiglio al mattinonline e al suo direttore: ragazzi, davvero, lasciate perdere le lotte sociali, le proteste sindacali, il dumping e tutto questo. Veramente, non prendetevi la pena di fare articoli per forza su questi temi. Invece parlateci ancora delle multe di Casalini, o di Zali che ascolta i Metallica. O magari, ecco, parlateci un po’ di gnocca, che tira sempre su il morale. Il giornalismo al servizio della classe operaia, vi prego, lasciatelo fare a chi non si espone a queste figure meschine.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!