Si sono fatti in quattro

Pubblicità

Di

20150206aspasia2

di Aspasia

faccinaGASaspasiaCi sono volute quattro mani, quelle dei “responsabili” di LiberaTv, per attirare l’attenzione. Dopo aver sostenuto nell’ambito dell’iniziativa Ecopop il controllo delle nascite di hitleriana memoria, oggi si indignano per un commento di un giornalista della RAI sull’autoadesivo sull’impiego di soli residenti che le aziende di Claro possono incollare in bella evidenza sulla propria porta.

Il parallelo con la “J” sul passaporto degli Ebrei durante la Seconda guerra mondiale è sicuramente esagerato, ma anche la richiesta della coppietta di LiberaTv al Consiglio di Stato di inviare una nota di protesta al Consolato italiano e alla Confederazione affinché intervenga a Roma fa ricordare l’uscita di Boris Bignasca quando chiedeva di dichiarare guerra alla Libia.

EInfatti è davanti agli occhi di tutti che oggi i frontalieri sono i responsabili di tutti i mali di questo sfigato cantone: dal traffico fino al dumping salariale, dalla disoccupazione (peraltro la più bassa in Europa dopo il Lussemburgo) fino all’inquinamento atmosferico. Ancora un po’ e fra questi argomenti troveremo anche la bassa natalità, la neve nel Sottoceneri, il calo del turismo, la crisi dei grotti, le infezioni negli ospedali dove lavorano molti frontalieri, l’effetto sostitutivo per la mancanza di vocazioni nel clero e la zanzara tigre. E si potrebbe continuare.

Troppo facile, signori “responsabili” di LiberaTV. Ma almeno siate coerenti fino in fondo: dite chiaramente che tutti i mali vengono da quella parte e diteci anche cosa succederà quando li avremo idealmente sterminati, questi maledetti frontalieri.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!