Amanda e le altre

Pubblicità

Di

20150303cassandra

di Cassandra

In queste elezioni, come al solito, saltano fuori le facce più o meno conosciute dei candidati e delle candidate. 90 per partito, sono circa 6 o 700 volti che fanno occhiolino da giornali, tabelloni luminosi, manifesti e internet.

Io non sono mica brutta. Anzi, mio marito mi ha detto che mi metterebbe nella metà superiore di un’ipotetica graduatoria. È vero che è di parte, ma di solito anche abbastanza obiettivo. Nonostante ciò, non posso fare a meno di notare, soprattutto su internet, i meravigliosi volti di alcune candidate: donne talmente incredibili da farti immediatamente retrocedere nella graduatoria nella categoria delle cozze.

Ho scelto Amanda Rückert, viso splendente e occhi da Husky, ma avrei anche potuto parlare di Gendotti, di Gianella, di Ferrara Micocci o di Lurati Grassi o di decine di altre candidate, diventate per miracolo delle dive del cinema muto. Ma dov’erano tutti questi splendori un po’ di tempo fa? Sono sorte dalle acque? Erano nascoste, moderne ninfe, nei nostri ubertosi boschi?

Io sono maligna dentro, e allora che faccio? Vado a cercare su Facebook le foto dei profili e scopro che poi, in fondo, sono donne normali. Anzi, alcune perfino un po’ bruttine. Però Photoshop e un fotografo complice fanno miracoli, al punto da renderle appetibili anche a chi di politica non mastica un boccone.

Comunque un po’ di invidia mi è venuta. così ho provato a chiedere a mio figlio, quello grande, che ha tutti i programmi (naturalmente craccati) possibili e immaginabili.

“Ciccio, ce l’hai Photoshop?”

“Eh? Sì, perché? Ho la versione di prova.”

“E lo sai adoperare un po’?”

“Certo, ma’. Che ti serve?”

“Se mamma ti dà una foto, riesci a correggerla come fanno i fotografi, tipo togliermi le rughe, farmi gli occhi più belli, cose così?”

“Mamma, è un programma per il ritocco delle immagini, non uno per fare i miracoli.”

Allora sono andata in camera mia e ho pianto. Però alle prossime elezioni, se l’impalcatura regge, mi candido anch’io!

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!