E adesso giù il burqa!

Pubblicità

Di

20150311cassandra

di Cassandra

Et voilà: finalmente Gobbi si è dato una mossa. Il pingue ministro della giustizia ha deciso di implementare la nuova legge sull’ordine pubblico risalente al 1941. Direi che una rinfrescatina ci andava, dopo 74 anni. e che diamine, un minimo di restyling!

A molti però probabilmente sfugge un problema non da poco per la Lega e il suo ministro: la famosa legge sul burqa. Dopo aver spiattellato ai quattro venti la loro ostilità al velo islamico, ora i leghisti, nel momento dell’applicazione della legge, si trovano in imbarazzo. Perché le ricche donne degli Emirati Arabi, che cominciano in numero cospicuo a frequentare soprattutto il Luganese, dovranno giocoforza essere multate. Cita infatti la recente legge: “nessuno può dissimulare o nascondere il proprio viso nelle vie pubbliche e nei luoghi aperti al pubblico (ad eccezione dei luoghi di culto) o destinati ad offrire un servizio pubblico”, né “obbligare una persona a dissimulare il viso in ragione del suo sesso”.

Eccoci allora di fronte a un dubbio amletico: far applicare la legge sancita dal famoso popolo sovrano oppure voltare la faccia fingendo di non vedere le ricche turiste che lasciano cascate di denaro nelle boutique di via Nassa e al FoxTown? Per non parlare dei soggiorni presso i più prestigiosi alberghi della città.

Io sono coerente e battagliera, atea e libera pensatrice. Spero che Quadri e i suoi amici del Municipio, con il sindaco Borradori in prima fila, rispettino il popolo sovrano, multando tempestivamente ogni islamica donzella ammantata o celata in volto. Anzi, mi verrebbe da dire che dovremmo tutti aiutare la nostra polizia, segnalando immantinentemente ogni abuso relativo alla dissimulazione del volto: giovani imberbi mascherati dei centri sociali, camorristi col casco integrale, mummie egizie e donne in burqa e niqab. Perché il popolo è sovrano e ha sempre ragione, anche se di mezzo ci sono dei bei soldoni.

Sono proprio curiosa di vedere chi sarà la prima a ricevere una contravvenzione e cosa racconterà una volta tornata a casa ai ricchi parenti.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!