Ieri erano i terroni

Di

20150305mordasini

di Corrado Mordasini

faccinaGASmordasiniLuisa è una terrona. Una di quelle che sono cresciute in valle, in quella Leventina che ha dato tanto lavoro ma anche tanta amarezza alle genti venuti dalle rive del Tirreno o anche solo dalla Bergamasca.

Luisa era figlia di immigrati. A pochi anni già si accorgeva che i bambini immigrati non erano uguali agli altri bambini: erano i terroni, i figli d’Italia, le persone di serie B. Non li distinguevi dagli altri, o forse poco, forse dai vestiti più umili, perché figli di operai. O forse per i cognomi, che suonavano, alle lombarde orecchie dei Ticinesi, flautati ed esotici: Capuozzo, Lanzillo, Aniello, Lombardo… Fatto sta che le persecuzioni Luisa se le ricorda ancora, con rabbia.

E oggi, quando torna in valle a trovare la mamma e vede quelli che da piccola la prendevano in giro, ancora la rabbia un po’ le sale e non riescono a esserle simpatici, anche quelli gentili o che le fanno i complimenti. Per esempio, Luisa si ricorda della signora Pellandini, la vicina di pianerottolo, che quando andavi a chiederle qualcosa apriva solo una fessura di porta con lo sguardo diffidente.

No, non è stato facile essere immigrati in Svizzera. Poi sono arrivati gli Spagnoli, i Portoghesi e gli Slavi, gli “ic”, e il razzismo ha cambiato obiettivo, perché perlomeno gli Italiani parlavano la stessa lingua e pregavano lo stesso Dio.

Oggi Luisa è svizzera, adulta e sposata, ma non ha dimenticato lo scherno di allora. Oggi, con la crisi e l’odio fomentato ad arte nei confronti dei frontalieri italiani, risente l’alito gelido dell’ostilità popolare. Ieri erano i terroni e, nonostante il tempo sia passato, è bastato poco tempo e tanto odio per farceli ritornare. E oggi sono ancora i terroni, i badola, quelli che ci rubano il lavoro. Gli Slavi hanno riceduto il posto come nemici pubblici.

Ma è solo gente che oggi come allora cerca di mantenere la propria famiglia. D’accordo, saranno troppi, ma sono esseri umani e non ladri. Ladri sono i padroni di quelle aziende che giocano a strappare i soldi ai lavoratori con arroganza e scuse ridicole. Ladri sono quelli che sfruttano la forza delle braccia altrui per ingrassarsi.

Nelle ultime settimane abbiamo visto molti lavoratori coraggiosi ribellarsi e vincere.

Abbiamo visto anche alcuni imprenditori gettare vergogna su una categoria che conta ancora numerosi galantuomini. Questi infami vanno fermati ed estirpati.

Altrimenti la pagheremo tutti, non solo i terroni. E chi pensa il contrario è solo un povero illuso.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!