Il razzismo lo si batte anche col pallone

Pubblicità

Di

20150328Santerre

di Santerre

Djourou, Rodriguez, Behrami, Inler, Xhaka, Shaqiri, Seferovic, Drmic, allenati da Vlado Petkovic, di Sarajevo. Questi calciatori, questi uomini con le storie che hanno accompagnato i loro genitori o loro stessi in Svizzera, hanno calcato venerdì sera il prato dello stadio di Lucerna, per l’ennesima volta, con addosso la maglia rossocrociata. Tanti altri hanno assistito e sostenuto i propri compagni dalla panchina.

Queste sono le risposte da dare ai signori dell’UDC, ai loro elettori, ai razzisti. Risposte signorili, umili come le origini di moltissimi di questi campioni che ora ascoltano il Salmo concentrati e pronti a dare tutto per la maglia della Nazionale svizzera. Risposte come quella di Valon Behrami, ad esempio, che finanzia una scuola di calcio nel Mendrisiotto.

In una recente intervista a “La Gazzetta dello Sport” Xherdan Shaqiri si è detto onorato di vestire la maglia della Svizzera. Qualche tempo prima disse la stessa cosa Granit Xhaka, che pure ha un fratello, Taulant, che gioca per la Nazionale albanese. Scelte che meritano rispetto e gratitudine, non ululati e berci razzisti.

Il commissario tecnico italiano Antonio Conte, pochi giorni fa, è stato contestato per aver convocato due oriundi. Uno dei due, Eder, di origini brasiliane, ha dichiarato che in Italia ci sono ancora troppi preconcetti. Stia tranquillo: esiste un Paese con quattro lingue nazionali e tre regioni socioculturali che non è da meno.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!