Le capriole della Lega – 5. Puntata

Pubblicità

Di

20150211capriolelega

della Redazione

faccinaGASufficialeDal programma politico della Lega dei Ticinesi, anno 1991, capitolo 11: “Rivendicazioni a Berna”.

a) Ridurre progressivamente e sostanzialmente le spese militari, tali cifre andranno a finanziare le rendite AVS e lo sconto fiscale lineare del 20%
b) Integrare la Protezione civile nell’organizzazione dei pompieri (risparmio 20 milioni).

Questo era il Bignasca della prima ora, che si oppose anche all’acquisto degli F/A-18, per poi ammorbidirsi anni dopo, non combattere più l’esercito più e digerirlo come un coccodrillo fa con il pasto, con qualche lacrimuccia di circostanza.

Ed ecco il seguito, a firma Norman Gobbi.

“L’Esercito incarna i valori fondanti della Svizzera. Oggi infatti possiamo affermare con orgoglio di essere riusciti a mantenere in Ticino la maggior parte degli stazionamenti militari e di aver ottenuto dal Dipartimento della difesa molto di più rispetto ad altri Cantoni.
L’Esercito è fondamentale per la sicurezza del Popolo svizzero; sicurezza che rappresenta un bene primario per tutti i cittadini, specialmente in un momento in cui siamo confrontati con una situazione d’instabilità a livello globale”.
Norman Gobbi, “il Mattino”, 22 febbraio 2015

Sempre Norman Gobbi il 18 febbraio 2012 disse alla Giornata di comunicazione del Comando Forze speciali a Lugano:

“Per rafforzare la porta svizzera verso il Mediterraneo, dobbiamo consolidare e aumentare la presenza militare in Ticino”.

Esercito alle frontiere? Leggiamo Giuliano Bignasca…

“Hanno fatto un sondaggio sull’impiego dell’esercito alla frontiera per bloccare l’emigrazione clandestina e non hanno intervistato i ticinesi. Sia quindi chiara un’altra cosa: senza la consultazione e l’accordo della popolazione interessata l’esercito svizzero non occuperà la nostra frontiera, comunque questo giornale si opporrà energicamente”
“il Mattino”, 31 marzo 1991

Qui tutte le puntate precedenti.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!