Mai con Salvini

Pubblicità

Di

20150228contarini1

di Filippo Contarini

L’elicottero ha cominciato a girare presto sabato su Roma. Alle 7 il rumore metallico delle pale era implacabile. Rigorosamente della polizia, all’inizio era su Piazza del Popolo, dove si sarebbe tenuta la manifestazione della Lega Nord. Poi verso le due si è spostato su piazza Vittorio, a controllare il corteo dei “pericolosissimi” giovani dei centri sociali.

Da una parte un partito di persone che fa della violenza, verbale e fisica, un metodo di lotta politica. I Leghisti, stavolta assieme a Fratelli d’italia, CasaPound e Alba Dorata (!), tutti allegramente a dire di lasciare affogare i migranti in mare. I bastoni di queste frange estremiste di Destra si sentono spesso. Girano a gruppi, dicono di voler creare ordine e invece creano solo disordine e paura, trasmettono un’idea assurda di società basata sulla disciplina, chiaramente quella voluta dal Capo. Che in questo frangente è Matteo Salvini. La Lega, il partito più vecchio ancora rappresentato nel Parlamento italiano, quello del commercio di diamanti in Africa, quello dello sdoganamento del razzismo. Un vero pericolo per la democrazia.

Dall’altra i centri sociali, le associazioni di base, i partigiani, i rimasugli dei partiti comunisti, i migranti, le staffette per Kobane. Ci sono così tanti pregiudizi su questa fascia sociale di persone che si impegnano quotidianamente per cercare di dare una cultura diversa da quella basata sulla paura e sui soldi. È chiaro: bisogna essere disposti a osservare e cercare oltre i soliti pregiudizi trasmessi da una stampa fin troppo di parte. Organizzano circoli ricreativi, scuole popolari, serate culturali, momenti artistici. E Roma in particolare su questo punto è un vero laboratorio a cielo aperto.

Oggi questa Roma giovanile, felice e festosa, ma incazzata nera con i messaggi razzisti di Salvini e con le politiche austere dei governi di centro, ieri Monti e oggi Renzi… ecco, questa Roma bella, attiva e giovanile ci ha fatti scendere in strada. 30 mila persone che tutte insieme dicevano No al razzismo della Destra becera. #maiconsalvini era l’hashtag. Appuntamento alle 14 in piazza e corteo musicale di qualche chilometro.

All’inizio poca gente, poi più si camminava più si riempiva, alcuni tronconi molto rumorosi, altri più tranquilli. Mai un secondo ho percepito il benché minimo sentimento di violenza o di tensione. Mai. L’unica tensione la davano gli almeno 1’000 poliziotti che ci controllavano, tutti in tenuta antisommossa. La città era piena all’inverosimile di macchine della polizia e camionette panzerizzate. Loro sì erano inquietanti. Che dire? Forse proponendo queste foto riesco a far capire che c’è un blocco sociale positivo che sente il bisogno di dire no a quest’odio insopportabile trasmesso dalle Destre.

In Ticino c’è chi dice che non bisognerebbe parlare di quel che succede al di là del confine. E invece stare qui, vedere e vivere tutto questo dà l’idea concreta di cosa sta succedendo nell’Europa che attornia la nostra piccola Svizzera. E per una politica dell’umanità e del rispetto, che dovrebbero essere propri della Sinistra, c’è veramente un vento di speranza che dobbiamo riuscire a cogliere!

20150228contarini2

20150228contarini3

20150228contarini4

20150228contarini5

20150228contarini6

20150228contarini7

20150228contarini8

20150228contarini9

 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!