Populismo in casa, spesa in Germania: Borer e l’UDC

Di

20150325Scarinci

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciQualche giorno fa ci siamo occupati della “Edizione Straordinaria” dell’UDC: un fiorire di nazionalismo sfrenato, guerra allo straniero e rivendicazione della sovranità popolare che all’atto pratico, come quasi sempre accade quando si parla dell’UDC, non trova mai conferme.

Questa volta il merito è della “Basler Zeitung”, che, grazie alle prove fotografiche fornite dai propri lettori, è riuscita a sputtanare nientemeno che un loro consigliere nazionale, tale Roland Borer, pizzicato a far spese grosse, edili e alimentari, in Germania. Lo sventurato prima ha negato, dicendo che era lì ad accompagnare un amico, poi davanti alla prova dei fatti pare abbia bofonchiato che è successo tanto tempo fa. Complimenti per la fantasia.

Questa è l’UDC, questa è la Destra che parla parla, ma poi quando si passa ai fatti va un pugno di chilometri fuori dal confine per far compere. E no, qui non stiamo parlando del disoccupato del Mendrisiotto che fa la spesa in Italia perché altrimenti, coi prezzi svizzeri, non arriva alla fine del mese: qui stiamo parlando di un Consigliere nazionale, che in un mese guadagna cifre che farebbero venire un capogiro a molti. Ma l’importante è sbraitare contro gli stranieri, no? Dire ogni santo giorno quanto gli Svizzeri siano migliori e più belli, riempirsi la bocca di nazionalismo come nemmeno nell’Ottocento in Prussia… per poi cambiare dei franchi e spendere fuori confine.

Peccato che in questa “Edizione Straordinaria” l’UDC non ci abbia informati del fatto che il coerente Borer è promotore di una mozione sull’IVA altamente penalizzante per i turisti della spesa. Sarà per la prossima edizione, ne siamo sicuri.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!