Chi si loda s’imbroda

Pubblicità

Di

20150418Scarinci

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinci“Chi si loda s’imbroda”: quante nonne l’hanno detto a ogni loro nipote… E quante volte ce lo siamo sommessamente detto anche noi quando abbiamo provato a denunciare ogni tipo di deriva nazionalista, xenofoba e di superiorità nei confronti di qualunque altro Paese e in particolare dell’Italia. Perché basta poco e tutto il castello che tanti, troppi celoduristi si sono costruiti vada in frantumi. Basta che un semplice candidato del PLRT sia talmente ingenuo da far lo spaccone con un’altra candidata in Gran Consiglio per farci sembrare così simili, così vicini alla vituperata Italia.

Il PD italiano ha dovuto annullare le primarie per il candidato sindaco di Napoli, e questo perché c’erano casi di voti multipli ai seggi. Per non parlare della Sicilia e della Calabria e dei loro voti di scambio tra politici locali, della rossa Emilia Romagna dove troppi consiglieri regionali vengono eletti senza un apparente motivo e con voti di preferenza incredibilmente più ampi del preventivato. Così vicino, così lontano, nevvero?

Insomma, il liberale-radicale Michele Kauz l’ha combinata grossa. Così grossa da far dire a Sergio Savoia che occorre fare chiarezza, perché il popolo ticinese non si merita di dover partecipare a un voto controllato dagli ispettori dell’ONU. E ha ragione. La speranza, però, è che questo scempio della democrazia sia la sveglia definitiva a chi pensa che siamo sempre i più belli, i più bravi, i più immacolati e che siamo circondati dallo schifo.

Lo schifo e il marcio sono ovunque, anche in Ticino. Spiace che ci siamo arrivati solo ora.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!