La regina del mare

Pubblicità

Di

20150424mordasini

di Corrado Mordasini

faccinaGASmordasiniNon tutti i ricchi sono cattivi. Alcuni attraverso la cruna dell’ago riescono a passare. Una di loro è Regina Catambrone, calabrese, con il marito Christopher, italoamericano. Una coppia di ricchi, con una barca da 41 metri che beccheggia nei porti di Malta, dove loro vivono.

Un giorno Regina e Christopher non ce la fanno più a vedere la gente morire. Probabilmente qualcosa si spezza in quei cuori di benestanti, proprietari di una compagnia di assicurazioni, e decidono di agire. Nasce così la prima e finora unica associazione di salvataggio privata: un Mare Nostrum della coscienza.

Una ventina di persone tra equipaggio, medici e volontari per assistere i migranti, per salvarli dall’annegamento e dall’inedia. Così Regina ha salvato più di 2’700 persone. Spendendo, col marito, più di 35 mila euro al mese, per metà suoi e per metà di donatori tedeschi. È anche umile, Regina: “D’altronde anche io e mio marito siamo dei migranti molto più fortunati. Lui ha lasciato New Orleans, io la Calabria”.

Oggi purtroppo, i soldi sono finiti. “Le risorse messe a disposizione dalla nostra famiglia sono terminate e purtroppo non saremo in condizioni di protrarre la missione nei mesi a venire”, spiega Regina. “Ringrazio le persone che ci hanno sostenuto attraverso le donazioni, tuttavia la cifra raccolta è insufficiente a sostenere persino le spese vive dell’operazione”. E ce ne dispiace. Perché questa ricca regina del mare ha fatto molto di più di tanti di noi per aiutare altri esseri umani. Migranti, non ladri e vagabondi.

Ora immaginiamo Regina che scruta il Mare Nostrum: quell’arido mare che gli Europei fingono di ignorare, quella cassa da morto liquida per mille e mille morti dimenticati, che come unico sudario hanno metri di acqua salmastra. E, mentre i suoi capelli biondi sventolano alla brezza, pensa: “Ancora solo uno, avrei potuto salvarne ancora uno”.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!