Leggere le iniziative prima di commentarle… no, eh?

Di

20150413lancillotto1di Lancillotto

20150413lancillotto2Fabio Regazzi, candidato PPD al Consiglio di Stato, si sta già occupando delle prossime votazioni, pubblicando infatti sui giornali inserzioni contro l’iniziativa “Tassare le eredità milionarie per finanziare la nostra AVS”, sulla quale saremo chiamati a esprimerci il 14 giugno. E la campagna per il 19 aprile? Beh, Regazzi ha già dichiarato che l’elezione in Consiglio di Stato non gli interessa: ha già troppo da fare!

Quindi Regazzi si occupa, da consigliere nazionale qual è, di temi federali. Purtroppo però sembra che non abbia letto bene il testo dell’iniziativa. L’esponente del PPD afferma infatti che “L’imposta sulle successioni danneggia le aziende di famiglia”. Ora, capisco che uno possa essere contrario a tassare le eredità di più di due milioni, specie se ne vede qualcuna in arrivo, ma l’argomento che l’iniziativa danneggi le aziende di famiglia è una frottola!

Il testo dell’iniziativa al capoverso 5 è chiarissimo: “Qualora la successione o la donazione comprenda un’azienda agricola o un’impresa e gli eredi o i donatari ne proseguano l’attività per almeno dieci anni, si applicano riduzioni particolari all’imposizione al fine di non pregiudicarne l’esistenza e preservare i posti di lavoro”.

Le riduzione di cui parla l’articolo costituzionale le dovrà decidere il Parlamento. E non dovranno pregiudicare l’esistenza delle aziende in cui gli eredi proseguono l’attività, né mettere in pericolo posti di lavoro. Più chiaro di così!

Perché l’onorevole Regazzi non si fida nemmeno dei suoi colleghi borghesi, maggioranza in Parlamento?

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!