Non bastava il 9 febbraio…

Pubblicità

Di

20150416shevek

di Shevek

faccinaGASshevek…ci voleva pure “Prima i nostri”. Così, per incasinare ancora un po’ il quadro generale. Per aumentare la frustrazione e far incazzare la gente. Per non farsi mancare proprio nulla.

La notizia è di ieri: l’iniziativa dell’UDC è ricevibile. Lo conferma il professor Giovanni Biaggini, esperto incaricato dal Governo di valutarla. E Biaggini sull’iniziativa ha scritto un ponderoso pippone giuridico da cui si evince che sì, l’iniziativa potrà essere messa in votazione. Superfluo dire che Gabriele Pinoja e Marco Chiesa godono come mandrilli in calore.

Biaggini però aggiunge una cosa: l’iniziativa, se anche passasse, non servirebbe a un accidente. Oddìo, non dice proprio così, ma il concetto è quello. In sostanza, ammesso pure che venga approvata dal popolo, andrebbe a confliggere con il diritto federale e con quello internazionale. E insomma, dice, suscita “infondate speranze se non equivoci nel cittadino votante”. Più chiaro di così! Ricorda qualcosa?

Esatto: il 9 febbraio. E quell’altra sciagurata iniziativa, sempre di marca UDC. Quella che, ci avevano garantito, se fosse stata accettata non ci avrebbe provocato alcun problema con l’Unione Europea. Già, già. Si è poi visto com’è andata a finire. E ora sono volatili per diabetici, con la gente che ha votato per i contingenti e adesso giustamente li pretende e il Governo federale che non glieli può dare se non litigando a bestia con l’Unione Europea.

E ora una previsione facile facile: “Prima i nostri” passerà, ma poi non avrà alcun effetto perché non si potrà metterla in pratica, e allora la gente s’incazzerà e l’UDC strillerà che non viene rispettata la volontà del popolo e scoppierà un altro casino e… indovinate chi ci guadagnerà?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!