Uno sputo rimane addosso

Pubblicità

Di

20150401mordasini

di Corrado Mordasini

faccinaGASmordasiniOggi voglio parlare di Chiara Orelli.

Chiara era in Gran Consiglio per i Socialisti fino a quando decise di andarsene, stufa del clima degradato della politica ticinese, quando il pargolo del Nano, Boris, augurò la morte all’anziano padre di lei, Giovanni. Oggi Chiara vive serena col marito e la figlia, ma evidentemente non merita la sua serenità. Infatti nelle ultime settimane sul mattinonline è girata la notizia secondo cui la fuca sociali$ta gode di un affitto di favore da parte del Comune di Lugano, occupando (perché, si sa, il municipio di Lugano è pieno di $ociali$ti) un appartamento riservato a persone con diritto a sussidi. Il mattinonline, evidentemente non soddisfatto di aver augurato la morte a Giovanni, decide di perseguitare anche Chiara. Ma noi vogliamo vederci chiaro. Sia mai che la furba socialista abbia davvero dei privilegi ai quali il cittadino comune non può accedere?

Allora scopriamo alcune cose che ci dice la stessa Chiara, evidentemente stufa degli sputi leghisti. Perché gli sputi, anche quando sono falsi, ti colano addosso. Ti inzaccherano la faccia, ti fanno apparire sporco anche se non lo sei. E questa da anni è la tattica del sudicio portale on line e del suo fratellone cartaceo.

I fatti poi sono semplici. Triste è dover spiegare alla gente perché non è vero quello che insinua un giornale di bassa lega (e passatemi la battuta scontata).

Chiara abita in un alloggio di proprietà della cassa pensioni della Città di Lugano. Nello stesso stabile ci sono alcuni appartamenti destinati a persone con mobilità ridotta o difficoltà finanziarie. Non è il caso della famiglia Orelli Vassere. Infatti nello stabile abitano sia direttori di banca sia persone a beneficio di sussidi. Chi non riceve sussidi paga un affitto commisurato al prezzo di mercato.

Il mattinonline ha fatto passare l’appartamento per una reggia. Un appartamento di 4 locali, ma con un solo bagno di 5 metri quadri, al primo piano, vicino alla rampa di uscita dell’autosilo in via Balestra, posizionato su una strada di grande traffico. 1700 franchi al mese per un immobile del genere è il prezzo di mercato stimato. Mica sono scemi quelli delle casse pensioni. E Chiara, checché se ne dica, non ha il parquet foderato d’oro. Diciamo che, se ci abitasse Lorenzo Quadri, pagherebbe la stessa cifra. Del resto pare infatti che anche dei Leghisti abitino in alcuni di questi appartamenti. Questo meraviglioso alloggio desiderato da tutti è rimasto sfitto per 18 mesi prima di essere preso dagli Orelli Vassere. Strano che non ci fosse la fila. Un’ultima cosa: il giornale della Lega pubblica anche la planimetria dell’appartamento. Peccato che non esista nessuna planimetria: Chiara ha dovuto far rilevare da un tecnico i metri quadri e gli spazi utili al suo insediamento.

Che dire? Sputare veleno è facile. Far credere a tutti che i soliti $ociali$ti se ne approfittino è ancora più facile. Peccato che sia una balla, e bella grossa. Sarebbe bello, a questo punto, avere una smentita anche da parte della cassa pensioni della Città di Lugano. Non vorremo mica che il popolo creda che si fanno dei favoritismi, eh?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!