Alessio e la mamma

Pubblicità

Di

20150404bernasconi1di Carol Bernasconi

faccinaGASbernasconiInutile girarci intorno: la maggior parte delle frecciatine di mio figlio sono rivolte alla sua famiglia, in particolare a sua mamma.

Nonostante io mi guardi allo specchio tutte le mattine cercando la formula magica per fermare il tempo e convincendomi di averla trovata, immancabilmente arriva Alessio che mi rimette con i piedi per terra. Perché ai suoi occhi di bambino nulla sfugge, e nello spazio di un nanosecondo ha già tradotto in parole chiare e precise i suoi pensieri. “Alessio, com’è la mamma?”, lui mi guarda e dice: “Rotonda”… Ecco lo stimolo che cercavo per iniziare la dieta!

Vogliamo parlare di quando ti fa notare quanto ti veda anziana? “Ma si che sei vecchia mamma, hai tutte le righe” oppure: “Mamma, quando avrò gli anni come due mani piene, sarai vecchia o già morta?” Stando a lui la mia dipartita è prevista tra più o meno cinque anni. Ci sono anche momenti in cui credi di intravvedere della tenerezza quando ti dice: “Mamma, quando sarai vecchia ti aiuterò a fare le scale…” ma poi ti accorgi che c’era un secondo fine quando conclude: “…però voglio la tua camera in mansarda”.

Ogni tanto arriva il momento dove finalmente il mio ruolo di mamma viene valorizzato e anche mio figlio deve cedere… Una sera Alessio stanco morto fa i capricci per addormentarsi nel lettone ma, vista l’ora tarda e visto che non ho nessuna voglia di portare in braccio un sacco di patate addormentato nel suo lettino al piano di sotto, gli dico di no. Disperato, inizia a fare i capricci fino a quando mi dice: “Non sei gentile! Lo dico alla mia mamma!” Attimo di pausa… Mi guarda… E poi grida: “Noooo! Sei sempre tu!” e giù lacrime.

Alla fine però l’amore vince sempre, Alessio ha amore da distribuire in grandi quantità, ma decide lui quando farlo… E di solito il suo radar trova sempre il modo e il momento giusto. Come quando, dopo una lunga giornata ti invita dicendo: “Mamma, vieni a provare la felicità di giocare. Ci saranno anche dei time out”. O quando la sera, durante il rito della buonanotte, ti abbraccia e ti dice: “Mamma, sei il mio regalo inaspettato”… E tu senti che tutto si sistema.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!