E allora dagli a Lurati

Di

20150529marchais

di Marchais

Non ce l’ha fatta più, Lurati. E d’altronde chi avrebbe resistito così tanto sotto i colpi di cannone che gli sono piovuti addosso a partire dalle 15 del 19 aprile?

Colpi di cannone di ingratitudine, avventatezza, cattiveria, sparati da chi si ammanta di chissà quali capacità analitiche ma poi chiama “sconfitta” un piccolo arretramento che ha portato un seggio in meno in Gran Consiglio. E allora dagli a Lurati.

Colpi di cannone sparati ad alzo zero sul rieletto Consigliere di Stato per le posizioni sui Bilaterali difese da un intero partito, ma che improvvisamente, seguendo il vento, diventano addirittura responsabili della sconfitta. Colpi di cannone sparati sui giornali prima che nelle sedi opportune: il trionfo dell’arroganza e dell’arrivismo fine a sé stesso. E allora dagli a Lurati.

Colpi di cannone sparati da chi si è trovato per grazia ricevuta una locomotiva come Jacques Ducry, ma potrebbe, stando ai giornali, sacrificare quell’intelligenza, quella visione, quel talento in nome di una ricerca di alleanze tanto improbabili quanto senza futuro. Effettivamente, perché candidare una persona dall’ampio consenso, quando puoi farti quotidianamente prendere a pesci in faccia da chi pensa che con l’1% si può influenzare la società? E allora dagli a Lurati.

Dagli e ridagli, alla fine Lurati ha salutato la compagnia.

C’è chi lo rimpiangerà, c’è chi starà esultando. Chi è stato sconfitto, ancora una volta, è il concetto di “buona politica”. Chi gli succederà dovrà ripartire da queste macerie etiche prima ancora che politiche.

Sentiti auguri.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!