La Billag è una porcata

Pubblicità

Di

20150525giuseppez

di Giuseppe Z.

faccinaGASgiuseppezLa Billag è una porcata. Per due motivi. Anzitutto non si capisce perché il servizio pubblico universale debba essere pagato da ricchi e poveri allo stesso modo. Poi non si capisce perché, ora che tutti hanno gli smartphone e possono usare gratis Zattoo, vedere il TG on line e ascoltare la radio sui vari player, il canone debba essere pagato con i criteri degli Anni Sessanta.

Oggi grazie a internet tutti hanno accesso 24 ore su 24 al servizio radiotelevisivo universale. Quanti sono gli Svizzeri che non sono connessi al mondo di internet? Drammaticamente pochi. I dati sono chiari: 100% fra i giovani tra i 15 e i 24 anni, addirittura 92% tra i 45 e i 54 anni. In totale l’84% della popolazione svizzera tra i 15 e i 100 anni sta su internet (UST 2014).

Eppure da Sinistra abbiamo qualche dubbio a far diventare il canone obbligatorio per tutti. Ci dà soprattutto tanto fastidio mettere una nuova tassa a idealisti e anarchici che scelgono di vivere una vita sana senza tecnologie, non hanno il celulare né la televisione e di solito hanno pure pochi soldi. Ora invece con questa riforma il canone radiotelevisivo lo dovranno pagare anche loro, anche se non usano il servizio e non hanno apparecchi per usarlo. È il nostro spiritello rosso che insorge e dice che non è mai giusto inserire tasse nuove che colpiscono anche i deboli: le nuove tasse dovrebbero colpire sempre e solo i ricchi.

Eppure noi sosteniamo la riforma della legge e votiamo Sì. Perché?

Con la nuova impostazione il canone lo pagheranno tutti. Questo aumenterà le entrate per il servizio pubblico (che è garante della democrazia) e farà diminuire il prezzo del canone a tutti quelli che lo pagano già. E garantirà la permanenza della RSI in Ticino, che è un grande datore di lavoro.

Ma, soprattutto, questa è una votazione “piede di porco”. Solo mettendo questo canone generalizzato (quindi pagato anche da idealisti e anarchici recalcitranti) possiamo veramente sperare di avere poi il canone in base al reddito. Che invece è un obiettivo importante e giusto. Gli idealisti dovrebbero capirlo.

L’avanzata tecnologica impone alcune riforme che provocano svantaggi a chi odia la tecnologia. Lo capiamo. Ma non abbiamo scelto noi la rivoluzione degli smartphone: è arrivata e basta. Solo riuscendo a interpretarla rapidamente potremo sperare di capire sul serio la società e la popolazione.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!