Schneider-Ammann e Oliver Twist

Pubblicità

Di

20150501scarinci

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciHa avuto un che di pietoso e grottesco l’intervista al Consigliere federale Schneider-Ammann andata in onda a “Il Quotidiano” di giovedì sera. Non tanto per le cose che ha detto, cioè che in pratica a Berna vogliono tanto bene al Ticino ma che, riassumendo la pariglia, son cazzi nostri. Bensì per la figura che ha fatto il povero Christian Vitta di fianco a lui.

Siamo un Paese plurilingue, ma è chiaro che non a tutti in Ticino è comprensibile il tedesco. Quindi l’idea della RSI è stata quella di mettere di fianco Schneider-Ammann e Vitta, intervistandoli con una domanda a testa: uno rispondeva in tedesco e l’altro in italiano. Il risultato, nelle espressioni e nei contenuti, è stato il veder tramutare il vincitore della lotta in casa liberale-radicale e fresco consigliere di Stato Vitta in un novello Oliver Twist con la scodella in mano che chiede altra zuppa al crudele satrapo che ne controlla l’esistenza.

Schneider-Ammann a dire che ha grande interesse per il Ticino, Vitta a dire che ci vogliono soluzioni fatte su misura per il Ticino perché Cantone di frontiera. Il ministro federale con lo sguardo a dirgli: “Che avete voi, semmai? A Basilea o in Romandia mica stan tanto male”. E Vitta con lo sguardo rassegnato a dire: “Eh, bon, ci ho provato”.

Questi pochi minuti d’intervista sono stati la dimostrazione chiara e plastica dei rapporti tra la Confederazione e il Ticino. Ovvero: “Vi vogliamo bene, le vacanze da voi sono bellissime, però imparate a gestirvi”. Qualcuno, in quel frangente, avrebbe potuto chiedere lumi a Schneider-Ammann sulla questione dello stop alle misure di accompagnamento. Ma, si sa, la colpa è sempre dei Ro$$i, no?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!