5 protagonisti di una Sinistra destinata a perdere

Pubblicità

Di

20150610ideota

dell’Ideota

Il dogmatico
La Sinistra è una religione, con i suoi maestri e con i suoi testi sacri che il dogmatico conosce a memoria. Qualsiasi deviazione rispetto all’ortodossia, benché comprovata dalla scienza sperimentale o dal buon senso, rappresenta per lui sacrilegio, tradimento, mercimonio, patto col diavolo. Le situazioni non previste dai sacri testi gettano il dogmatico nel panico, perché lo costringono a fare una cosa che odia: pensare con la propria testa. Ma l’interpretazione autentica di qualche guru spesso lo solleva da questa incombenza.

L’estremista
Convinto che ottenere voti in misura inferiore allo 0.5% sia indice di purezza identitaria, l’estremista si apposta nei luoghi più impensati e ti compare davanti all’improvviso per raggelarti con questa sentenza: “Sono più a Sinistra di te”. Poi scappa ridendo, incurante del tuo volto pietrificato. Il suo piano: innescare una rivoluzione a furia di non contare nulla.

L’arrivista
La politica può essere una carriera e i palazzi del potere sono allettanti. L’arrivista è sempre pronto a darti ragione. Purché tu sia il più forte. Dopo qualche anno si rende conto che il più forte si trova a Destra. E allora finge un grande travaglio interiore e fa il salto della barricata. Ma è meglio perderlo che trovarlo.

Il frazionista
Vuole essere capo di qualcosa. Anche di una minicorrente formata da 4 persone che ama definire “i miei”. Condivide il 99% delle tue idee, ma quell’1% che vi separa, corrispondente a una sfumatura di rosso impercettibile per l’occhio umano, lo trasforma in un instancabile inventore di “sottili distinguo” che riscuotono cenni di approvazione dei fedeli discepoli e possono portare alla paralisi.

L’impreparato
Ha imparato due formulette ed è convinto di poter affrontare un dibattito. Per questa sua credenza possiamo definirlo un utopista. Invece di snocciolare argomentazioni, si limita a ripetere slogan. Pensa di essere antropologicamente migliore di te, ma non ti sa spiegare il motivo.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!