È il mondo che vogliamo?

Pubblicità

Di

20150505blockau

di Gabriele Bolckau

Oggi la chimera della ricchezza, della fama e del potere è alla base della nostra cultura.

I genitori vogliono che i loro figli siano “qualcuno” nella vita, come se essere un cameriere, un custode o un addetto alle pulizie ti rendesse “nessuno”. Le professioni più umili hanno ora dei nomi altisonanti: il cameriere è diventato un “impiegato di ristorazione”, il custode un “operatore di edifici e infrastrutture”, l’addetto alle pulizie un “operatore per la pulizia ordinaria e manutentiva”. Probabilmente i nomi ufficiali sono stati cambiati per contrastare il fenomeno che induce tanti a considerare certe professioni “di serie B”. Il punto è che non esistono lavori di serie A o di serie B: ogni professione è fondamentale per la nostra economia e la nostra società. Il problema è culturale e di mentalità.

Fin da quando siamo piccoli, i nostri genitori cercano di convincerci che, se non sei laureato, non sei nessuno. Alle Scuole elementari iniziamo a ricevere delle valutazioni qualitative, come se le peculiarità di ogni persona non fossero importanti ma andassero invece omologate. Alle Scuole medie abbiamo i degradanti corsi A e corsi B. Dopodiché ci ritroviamo alla scelta fatidica: liceo o apprendistato? L’apprendistato viene percepito come una formazione di ripiego per chi non è “abbastanza” per poter frequentare il liceo. Molti giovani di 15 anni non hanno ancora maturato una scelta definitiva, però viene loro imposto di scegliere. E di farlo in fretta. Molti scelgono quindi il liceo, anche se non è sempre la soluzione giusta per tutti.

Non abbiamo mai abbastanza tempo, non siamo mai abbastanza. Facciamo scelte di cui ci pentiamo, ma non sempre è possibile fare una riqualificazione. Abbiamo aspettative altissime che spesso ci portano a a grandi sacrifici e grandi delusioni. Un posto di lavoro “sicuro”, un impiego soddisfacente anche senza una paga esagerata: sono priorità che godono importanza sempre minore.

Vogliamo sempre di più, non ci accontentiamo, mettiamo in secondo piano la nostra serenità e quella della nostra famiglia per inseguire la ricchezza. Non lavoriamo per vivere, viviamo per lavorare. Il tempo libero e le passioni hanno sempre meno spazio. L’arte e la cultura hanno un valore sempre più astratto e meno concreto. Si fanno mille lavori, si è sempre reperibili, non si ha nessuna certezza…

E sembra che tutto ciò peggiorerà in futuro. È davvero questo il mondo che vogliamo?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!