La vita a colori

Pubblicità

Di

20150609bernasconi

di Carol Bernasconi

faccinaGASbernasconiEsistono posti nel mondo dove la parola “libertà” non esiste. Libertà di espressione, libertà di pensiero, di stampa, di religione. Esistono posti nel mondo dove non sei nemmeno libero di vestirti come vuoi.

Io mi sveglio al mattino, apro l’armadio e scelgo cosa indossare. Mi lascio ispirare dall’umore, dal tempo, dall’occasione, dalla stagione. Se ho una cena con le amiche, ci mandiamo messaggi e foto su come saremo vestite, condividiamo questi momenti spensierati insieme. Amo indossare abiti colorati: ritengo che rendano la giornata più allegra e leggera.

In alcune parti del mondo le donne non hanno questa possibilità. Vivono in un mondo colorato di nero, dalla testa ai piedi. Credo siano donne molto coraggiose, molto più di noi fortunate con l’armadio pieno di vestiti di ogni forma e colore.

È di questi giorni il servizio che gira con tanto di foto fantastiche per raccontare le vicende di un gruppo di persone sfuggite alla persecuzione dello Stato islamico nel Kurdistan siriano. “Una volta arrivate nel territorio controllato dai curdi”, ha spiegato Jack Shanine, il giornalista freelance che si è occupato del servizio, “queste donne hanno gettato il burqa e riscoperto la gioia di essere nuovamente libere”.

Ecco, immaginiamo di essere al loro posto. Immaginiamo di aver passato la nostra vita avvolte da una pesante cappa nera, che non solo nascondeva i nostri vestiti, ma schiacciava anche i nostri desideri e i nostri pensieri. Ora immaginiamo queste persone che con grande coraggio decidono di riprendersi la propria libertà, anche a costo della vita.

Il gesto simbolico di queste donne che si tolgono il burqa è meraviglioso. Le guardo in fotografia ed è come se potessi sentire i loro pensieri tornare liberi, la loro gioia esplodere, i loro cuori farsi leggeri. Ammiro queste donne, il loro coraggio e la loro voglia di vita mai abbandonata. Guardo i loro vestiti colorati, le loro espressioni e i loro sorrisi e mi sale dal cuore un pensiero e un augurio: “Benvenute, sorelle. Che la vostra vita d’ora in avanti sia sempre a colori”.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!