Pamini, paura dei simboli?

Pubblicità

Di

20150606scarinci

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciQualche sera fa “Il Quotidiano” ha trasmesso un interessante dibattito tra Matteo Quadranti e Paolo Pamini sulla questione della bandiera del Consiglio d’Europa esposta dal Municipio di Balerna il 5 maggio scorso.

Sarebbe simpatico cercare di capire perché Pamini si sia così fieramente opposto a questa scelta e perché auspichi che non succeda più. In buona sostanza, per il Gran consigliere de La Destra è stato un errore esporre la bandiera del Consiglio d’Europa perché, un bel giorno, prima la CEE e poi l’UE hanno preso come simbolo le vituperate stelle dorate su sfondo blu. L’equivoco è quindi sempre dietro l’angolo, poiché secondo Pamini la gente vede quella bandiera pensando all’UE affamatrice di popoli, cattiva e stronza invece che al nobile Consiglio d’Europa del quale pure noi siamo membri, e da decenni.

Se non è trattare da stupidi la gente questo, viene da chiedersi cosa lo sia. Che la Svizzera non faccia parte dell’UE lo sanno anche i bambini dell’asilo, e il vedere una simile bandiera esposta dal Municipio di Balerna o Lugano o Bellinzona dovrebbe suscitare curiosità nel cittadino, non paura. Come mai c’è quella bandiera? Cos’è il Consiglio d’Europa? Perché la Svizzera ne è membro? Questo dovrebbe chiedersi chi, lecitamente, non è addentro a queste cose.

La curiosità, lo studio, l’approfondimento sono i metodi migliori per combattere l’ignoranza e il populismo che portano, come dimostrato da Pamini, persino alla follia di aver paura dei simboli.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!